Giovedì 21 Gennaio 2021 | 16:45

Il Biancorosso

Biancorossi
Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzaeconomia
Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità dello stabilimenti di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità stabilimento di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

 
Barila decisione
Bari, concessione spiaggia Torre Quetta: prosciolto ex comandante Polizia locale

Bari, concessione spiaggia Torre Quetta: prosciolto ex comandante Polizia locale

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BrindisiL'intervista
Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 

i più letti

Acqua - Le regioni del Sud vogliono un'authority meridionale

BARI - Il progetto di creare un governo interregionale dell'acqua nelle regioni meridionali comincia a prendere forma ma, almeno al momento, incassa solo i consensi delle Regioni amministrate dal centrosinistra.
Quindi, la proposta ufficializzata dal presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, durante la cerimonia che ha aperto a Bari i festeggiamenti per il primo centenario dell'Acquedotto pugliese (Aqp), incassa al momento i «consensi immediati» dei presidenti delle Regioni Campania Antonio Bassolino, Basilicata Vito De Filippo, e Abruzzo Ottaviano Del Turco, e il timido assenso dell'assessore regionale ai lavori pubblici della Calabria Luigi Incarnato, in rappresentanza del presidente, Agazio Loiero. Contattati ma assenti - hanno rilevato gli organizzatori - i rappresentanti delle Regioni Sicilia e Molise.

Per Vendola, bisogna creare «un'Authority meridionale macro-regionale dell'acqua»: da qui l'invito ai colleghi presidenti di Regione a «fare rete», ad «essere una grande regione meridionale che immagina una grande regione mediterranea». Invito subito raccolto da Bassolino che si è a lungo soffermato sulla necessità di garantire il principio di accesso egualitario alle risorse idriche. Per far ciò - ha detto - è necessaria «una politica generale di governo pubblico dell'acqua che sia in grado di promuovere l'acqua come bene pubblico e patrimonio dell'umanità».
Come raggiungere questo risultato? Con «una grande questione di infrastrutturazione dell'intero Mezzogiorno - ha spiegato - e con una gestione integrata del ciclo delle acque su scala meridionale». Il presidente della Campania ha quindi definito l'incontro di Bari «la prima riunione pubblica dei presidenti delle Regioni meridionali» e ha detto che ora «l'obiettivo è arrivare agli Stati generali dell'acqua, che terremo a settembre in Basilicata». In vista di questo appuntamento - ha concluso - dobbiamo «studiare e presentare una proposta definita dal punto di vista politico, organizzativo e gestionale».

«Gli Stati generali dell'acqua - ha rilanciato De Filippo - sono una sfida storica per trovare la sintesi su questioni importanti come le infrastrutture e le risorse idriche» da qui il suo «grande apprezzamento per lo sforzo dell'Aqp e della Regione Puglia di creare un governo interregionale dell'acqua». Un plauso è arrivato anche da Del Turco, secondo il quale «questi incontri sono tanto più importanti quando vengono realizzati con la partecipazione di tutti i presidenti delle Regioni. Noi abbiamo sempre evitato - ha detto - che la riunione di questi fosse un incontro di parte dello schieramento politico del Paese. Il salto che fanno i presidenti delle Regioni meridionali, quelli che ci sono e quelli che sono oggi assenti (come i presidenti delle Regioni Sicilia e Molise, ndr) è di grande rilievo ed importanza».
L'assessore Incarnato dal canto suo ha chiesto di «aggiungere la Sicilia» ai lavori della rete di governatori costituita oggi a Bari e ha quindi «rinviato alla prossima riunione i problemi di merito che il coordinamento propone». Soddisfatto per i consensi che la proposta ha riscosso il presidente dell'Aqp, Riccardo Petrella, che ha definito l'incontro il «punto di conferma di una visione cooperativa delle Regioni del mezzogiorno in vista dell' attuazione di una politica idrica del meridione, una politica che faccia nascere un Acquedotto del Sud».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400