Giovedì 21 Gennaio 2021 | 17:01

Il Biancorosso

Biancorossi
Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

Le grandi manovre del Bari: c’è anche Bellomo nella lista

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Potenzaeconomia
Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità dello stabilimenti di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

Tavares (Stellantis) in Basilicata: confermati investimenti e riconosciuta centralità stabilimento di Melfi

 
Barila decisione
Bari, concessione spiaggia Torre Quetta: prosciolto ex comandante Polizia locale

Bari, concessione spiaggia Torre Quetta: prosciolto ex comandante Polizia locale

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BrindisiL'intervista
Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

Gli antifascisti e i comunisti nella provincia di Brindisi: processi, confino, democrazia

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 

i più letti

L'Associazione degli italiani rimpatriati dalla Libia (Airl) scrive a Prodi e a Berlusconi: bene indennizzi ai libici ma a noi italiani (scacciati dalla Libia e in attesa da 36 anni) chi ci risarcirà?

ROMA - L'Associazione degli italiani rimpatriati dalla Libia (Airl) ha inviato una lettera aperta ai candidati premier Silvio Berlusconi e Romano Prodi per sollecitare il futuro capo del Governo l'impegno a risarcire i beni italiani confiscati dal colonnello libico Gheddafi nel 1970.
«A nome dei Rimpatriati dalla Libia che rappresento - scrive ai due candidati premier il presidente dell'Airl, Giovanna Ortu - ho deciso di rivolgermi al Presidente del Consiglio che guiderà l'Italia nella prossima legislatura per chiedere precise garanzie su modi e tempi con i quali verrà affrontata e definita la questione relativa agli indennizzi per i beni italiani confiscati da Gheddafi nel 1970.
L'accordo del 1998 tra la Jamahiria libica e il Governo Prodi, che ha regolato ogni aspetto del contenzioso, non tocca l'argomento del risarcimento a noi dovuto per i beni perduti. Rinunciando definitivamente a richiederlo alla controparte libica, è evidente che il Governo italiano si è assunto l'onere di provvedere direttamente al risarcimento dopo gli acconti corrisposti negli anni passati».
«Tuttavia durante i cinque anni di governo Berlusconi, a fronte delle ripetute rassicurazioni in merito, - prosegue la lettera aperta - non vi è stato alcuno stanziamento per un provvedimento a nostro favore. Al contrario è stata presa in considerazione la richiesta libica di indennizzo per i "danni coloniali", ad integrazione di quanto già percepito, prima con l'accordo del 1956 e poi con l'esproprio del '70.
Chiediamo al futuro Capo di Governo: considera il nostro un vero e proprio credito nei confronti dell'Italia che non ci ha tutelato al momento della confisca, ricorrendo all'arbitrato previsto dall'accordo del 1956 e che in seguito, nel contenzioso economico con il Colonnello Gheddafi, ha intenzionalmente omesso di porre sul piatto della bilancia il valore dei nostri beni espropriati?» «La recente tensione nei rapporti bilaterali, materializzatasi nei disordini di Bengasi e nel minaccioso discorso del Colonnello - prosegue la Ortu - hanno indotto il Consiglio dei Ministri a decidere di accogliere con misure significative le pretese libiche, in ciò trovando consenziente anche l'opposizione. Tali intendimenti sono stati favorevolmente accolti anche da noi, da sempre favorevoli ad ogni iniziativa che possa portare ad una normalizzazione dei rapporti, purchè non lesiva dei nostri diritti. Lo stesso Gheddafi, nell'intervista trasmessa oggi da Sky - conclude la lettera aperta a Berlusconi e Prodi - ha indicato nel Governo italiano il responsabile del nostro risarcimento.
Attendiamo pertanto una sollecita risposta dall'On. Berlusconi e dall'On. Prodi: il Governo presieduto dal vincitore della prossima competizione elettorale si impegna a far fronte agli oneri connessi ad un provvedimento definitivo che attendiamo da 36 anni, dopo aver ricevuto acconti tardivi, parziali e provvisori?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400