Venerdì 14 Dicembre 2018 | 16:22

GDM.TV

Il testo integrale del Viminale

ROMA - Questo il testo integrale della nota con cui il ministro dell'Interno Giuseppe Pisanu respinge le «basse e contrapposte speculazioni elettoralistiche» sulle indagini sul respingimento degli immigrati clandestini a Lampedusa.
«In relazione a notizie fatte pervenire alla stampa circa indagini che sarebbero state aperte sul conto del ministro dell'Interno per omissione di atti di ufficio in ordine al respingimento alla frontiera di immigrati clandestini giunti a lampedusa, il ministro Pisanu precisa che il 13 ottobre dello scorso anno il tribunale dei ministri gli ha comunicato l'avvio di una procedura istruttoria in seguito ad un esposto presentato il 12 luglio 2005 da 31 parlamentari appartenenti prevalentemente all'area di Rifondazione Comunista e dei Verdi su ipotizzate violazioni di obblighi internazionali e della legge sull'immigrazione, in occasione degli sbarchi di immigrati clandestini sulle coste siciliane e in particolare a Lampedusa negli anni 2004-2005». Il tribunale dei ministri, prosegue la nota, «ha ricevuto l'esposto-denuncia dalla Procura della Repubblica di Roma che nella circostanza ha chiesto di non procedere ad alcuna iscrizione del ministro dell'Interno nel registro generale degli indagati, ma il tribunale non ha potuto accogliere tale richiesta per esigenze procedurali strettamente connesse alle previsioni della normativa vigente in materia di procedimenti ministeriali».
«Il ministro dell'Interno precisa altresì che l'avvocato Pasquale Vilardo, che secondo gli organi di stampa verrebbe ascoltato dal tribunale dei ministri, non è il suo legale, perchè egli non ha nominato alcun legale, ma il difensore nominato dai firmatari dell'esposto».
Tuttavia, è scritto ancora, «il ministro Pisanu ribadisce che si assume tutta la responsabilità politica delle attività poste in essere durante il suo mandato per contrastare l' immigrazione clandestina e le organizzazioni criminali che la sfruttano spietatamente». «Di ciò il ministro Pisanu ha ripetutamente informato il Parlamento ed è pronto a discutere ancora in tutte le sedi».
«Rientrano ovviamente in questo campo di discussione non solo i respingimenti alla frontiera, ma anche le vicende di Lampedusa e dei Centri di permanenza temporanea, vecchi e nuovi, fatti oggetto ripetutamente di contestazioni politiche, aggressioni fisiche e danneggiamenti vari da parte di gruppi diversi e centri sociali ben noti».
«E' sgradevole che problemi così delicati per i loro aspetti umani e giuridici come quelli dell'immigrazione clandestina, siano diventati oggetto di basse e contrapposte speculazioni elettoralistiche. In ogni caso il ministro dell'Interno - conclude la nota - andrà avanti per la sua strada senza lasciarsi influenzare da queste speculazioni».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori