Giovedì 13 Dicembre 2018 | 07:31

GDM.TV

Formula 1 - I piloti delle undici scuderie

Sono undici le scuderie al via del Mondiale 2006 e questa è la prima grande novità con ben 22 piloti al via. Con tre nuovi team, anche se due sono nati dalle ceneri di altre due gloriose scuderie come Minardi e Jordan, e tre piloti «rookie» cioè debuttanti nella massima formula.

RENAULT: E' un anno importante per la scuderia gestita da Flavio Briatore. Dopo l'en-plein della passata stagione, l'obiettivo è riconfermarsi i numeri uno. I piloti sono il campione del mondo Fernando Alonso e Giancarlo Fisichella. La R26 con il nuovo motore V8 sembra una monoposto nata già veloce.

FERNANDO ALONSO: Nato ad Oviedo il 29 luglio 1981, il pilota spagnolo è stato il grande protagonista della stagione passata, dominandola fin dalla prime gare, vincendo con anticipo il suo primo titolo iridato, laureandosi il più giovane campione del mondo ed anche il primo iberico a fregiarsene. Alonso, insieme alla R26 è il binomio da battere. Contro di lui, solo il fatto di aver annunciato il passaggio alla McLaren nel 2007.
GIANCARLO FISICHELLA: Nato a Roma il 14 gennaio 1973, è fidanzato da sempre con la sua Luna ed ha un figlio. Alla sua undicesina stagione (GP Australia 1996), «Fisico» deve mettersi alle spalle un 2005 che l'aveva visto iniziare alla grande vincendo il primo GP in Australia, per poi inanellare una serie di risultato negativi e sfortunati. Per lui il 2006 è certamente l'anno della riscossa e chissà che la scuderia non abbia un occhio di riguardo nei suoi confronti, visto, il tradimento annunciato del compagno di team.

MCLAREN-MERCEDES: Quella di Ron Dennis è forse la scuderia che sembra giunta ad un momento di grande svolta. Entrambi. infatti, al termine della stagione che sta per prendere il via potrebbero avere le valigie in mano, visto che nel 2007 arriverà un collega «scomodo» come l'attuale campione del mondo Fernando Alonso. Kimi Raikkonen, in lotta per il titolo per gran parte del 2005 sembra possa approdare in Ferrari e comunque, così come il compagno, Juan Pablo Montoya deve mettersi in mostra per ottenere il miglior contratto possibile nell'anno che verrà.

KIMI RAIKKONEN: Nato ad Espoo in Finlandia il 17 ottobre del '79, Kimi è sposato ed è alla sua sesta stagione nella massima formula. 86 i Gran premi disputati con 8 vittorie, tutte ottenute da quando è in McLaren, la prima in Malesia nel 2003. Nel suo bottino 271 punti e otto pole-position. Il finnico è salito per 30 volte sul podio. Quest'anno, alla luce di quanto fatto vedere dalla nuova Mp4/21 nei test pre campionato è ancora uno dei pretendenti al titolo.
JUAN PABLO MONTOYA: Nato a Bogota il 20 settembre '75, il pilota colombiano è il più grintoso e guascone di tutto il lotto dei concorrenti. Sposato, Juan Pablo, arriva in F.1 sulla scia del successo nella Formula Cart americana e nella mitica 500 Miglia di Indianapolis. Frank Williams lo chiama a se nel 2001 anno in cui vince a Monza e fa segnare due pole-position. In totale Montoya ha disputato 85 GP vincendone 7 e partendo per 13 volte dalla pole. 277 i punti accumulati e 28 le volte che è salito sul podio. Quest'anno è anche lui tra i favoriti per la vittoria finale.

FERRARI: Dopo il tonfo della passata stagione, a Maranello c'è volgia di un pronto riscatto. A Michael Schumacher e alla nuova 249 F1 sono affidate le speranze di tornare subito in vetta al mondo. Andato via - non senza qualche rancore - Barrichello è arrivato al suo posto il concittadino Felipe Massa. Il giovane pilota brasiliano, conosce l'ambiente di Maranello per averlo frequentato da pilota collaudatore, a lui è richiesto di assolvere il ruolo di seconda guida e fedele scudiero di «Koenig» Schumi. La neonata 248 F1, sia nei test provati che in quelli insieme a tutte le altre monoposto avversarie, sembra poter essere la vettura giusta per la rivincita della banda di Jean Todt.

MICHAEL SCHUMACHER: Nato il 3 gennaio 1969 a Hurth-Hermuhlheim, è il più titolato della storia della Formula 1 con sette titoli mondiali (1994, '95 con la Benetton; e dal 2000 al 2004 con la Ferrari), 84 GP vinti su 232 disputati con 1248 punti conquistati e 142 podi da quando esordì nel 1991 nel GP di Spagna con la Jordan. Pe lui anche 64 pole position, tutti risultati record che il tedesco vorrà implementare in quella che dovrebbe essere la stagione del ricatto, ma potrebbe anche assere quella dell'addio alla F.1. E' spostato con Corinna ed ha due figlie. Oltre alla Formula 1 è un grande appassionato di calcio e gioca spesso partite a scopo benefico. Nel 2006, vuol tornare ad essere il pilota da battere.
FELIPE MASSA: Nato a San Paolo il 25 aprile 1981, arriva dalla Sauber, la suceria elvetica con la quale ha esordito nel 2002 racimolando 4 punti. L'anno dopo ha accettato il ruolo di pilota collaudatore della Ferrari, per tornare in Sauber nel 2004. Per lui un totale di 53 GP, con 27 punti ed un quarto posto ottenuto nel 2004 a Spa-Francorchamps. Il 2006 sarà la sua prima stagione alla guida di una vettura di primissimo livello.

TOYOTA: Il team nipponico con sede a Colonia, punta alla nuova stagione per confermare i progressi mostrati nel 1005 e soprattutto per ottenere qualcosa di più: più vittorie nei GP e una posizione nel Mondiale Costruttori tra i primi tre. La TF106 ed il nuovo V8 sembrano poter dare una mano ai riconfermati Ralf Schumacher e Jarno Trulli, vogliosi di dimostrare il proprio valore, mai completamente espresso.

RALF SCHUMACHER: Il «fratellino» di Michael è nato il 30 giugno del '75 sempre a Hurth-Hermulheim, è sposato ed ha un figlio. Dopo varie stagioni di F3 in Germania e Giappone, Ralf approda in F.1 nel '97 alla Jordan. Dopo due stagioni passa alla Williams con la quale corre fino al 2004 prima di approdare in Toyota. Per lui 6 vittorie in 145 Gran premi, totalizzando 317 punti. Sei le pole e 24 i piazzamenti sul podio. Nella scorsa stagione è rimasto vittima ancora di un brutto incidente sul rettifilo di Indianapolis, questa volta con minori conseguenze rispetto a quello del 2004 alla guida della Williams.
JARNO TRULLI: Pescarese (13 luglio 1974), Trulli vinse sia nei Kart che nel campionato tedesco di F.3 ('96). L'anno dopo approda in F.1 con la Minardi e poi con la Prost, in entrambe le occasioni per sostituire un pilota infortunato (Marques e Panis, ndr). Conquista comunque tre punti e l'anno dopo è sempre alla Prost. Nel 2000 passa alla Jordan e nel 2002 finalmente si riunisce al suo «pigmalione» Flavio Briatore in Renault. Con la monoposto francese vince il GP di Monaco del 2004, ma non gli basta a mantenere il posto. Sostituito nelle ultime tre gare da Villeneuve, ha disputato le ultime due già da pilota Toyota. Per lui 149 GP con 160 punti, una vittoria, 3 pole position e 7 podi.

WILLIAMS: Dopo una stagione 2005 da dimenticare, la seconda consecutiva, la scuderia di sir Frank Williams ha perso anche i motori della BMW che ha preferito creare una propria scuderia annettendosi la Sauber. Il 2006 è quindi l'anno della rinascita, con il nuovo motore Cosworth V8 da portare in pista sulla nuova FW28. I piloti saranno il riconfermato Mark Webber ed il giovane Nico Rosberg, figlio di quel Keke che nel 1982 vinse il titolo per la scuderia di Growe.

MARK WEBBER: Nato a Queanbeyan in Australia il 27 agosto 1976, approda in F.1 esordendo nel GP di casa alla guida della Minardi. Per lui 69 gare disputate ed un bottino di 52 punti. Miglior risultato il terzo posto ottenuto la scorsa stagione a Monte Carlo. Dopo l'opaca stagione scorsa con una Jaguar già in smobilitazione, e quello sullo stesso livello nella sua prima annata alla Williams, il suo obiettivo è il riscatto.
NICO ROSBERG: nato a Wiesbaden in Germania il 27 giugno 1985, è figlio del campione del mondo 1982 Keke. Nico Rosberg passa alla Formula 1 dopo aver dominato il nuovo campionato GP2 dove ha ottenuto il titolo con la squadra ART Grand Prix. I suoi esordi sono come per molti altri piloti nel karting, dove è stato vice-campione europeo nella Formula A karting nel 2000 e Campione del Mondo l'anno successivo. Passato alle monoposto nel 2002, Rosberg Jr. ha vinto la Formula BMW ADAC prima di passare alla F3 Euro Series dove ha vinto quattro gare nei due anni successivi.

HONDA: Acquisite le quote della scuderie BAR, il colosso giapponese torna direttamente alla Formula 1. In questa stagione punta sul riconfermato Jenson Button e sul neo arrivato Rubens Barrichello che, dopo 5 anni in Ferrari, vuol dimostrare di essere qualcosa di più del «secondo» di Michael Schumacher.

RUBENS BARRICHELLO: Nato a San Paolo del Brasile il 23 maggio 1972, è alla sua 14.a stagione in F.1. 217 i GP disputati con 9 vittorie, 489 punti conquistati, 61 volte sul podio, mentre sono 13 le pole position. Rubinho è sposato ed ha due figli. Dopo la disastrosa quinta stagione in Ferrari, Rubinho se ne è andato da Maranello sbattendo la porta e con la Honda vuole dimostrare di essere ancora un pilota vincente.
JENSON BUTTON: Nato il 19 gennaio 1980 a Frome, è la grande speranza dell'automobilismo britannico. Dopo il terzo posto nel 2004, la scorsa stagione non è andato oltre un nono posto finale. Button ha debuttato nel 2000 a Melbourne, correndo 100 GP accumulando 164 punti, finendo per dodici volte sul podio. Due le pole-position. Nel 2006 è ancora a caccia della sua prima vittoria in un GP.

REDBULL: Dopo una prima stagione tra alti, pochi, e bassi, molti, la scuderia del re austriaco delle bevande energetiche, ha fatto grandi investimenti, acquistando addirittura un secondo team (la Minardi, ora Toro Rosso), e a Milton Keynes ha creato la nuova vettura la RB2 che avrà il propulsore V8 Ferrari. Riconfermati i due piloti dalla passata stagione, lo scozzese David Coulthard ed il giovane austriaco Christian Klien.

DAVID COULTHARD: E' tra i più «anziani» per militanza in F.1. Nato il 27 marzo '71 in Scozia (Twynholm), è da sempre fidanzata con belle donne. Il suo esordio nel 1994 con la Williams. Sempre pronto ad esplodere, Dave si è sempre più imbolsito stagione per stagione. Passato alla McLaren nel '96 c'è rimasto fino al 2004, quando è stato scaricato da Ron Dennis. Per lui 194 Gran premi con 497 punti ma solo 13 vittorie e 12 pole position. Eterno secondo, il suo migliore piazzamento è stata la piazza d'onore dietro Michael Schumacher - ma staccatissimo - nel 2001.
CHRISTIAN KLIEN: E' il più giovane dei piloti in gara essendo nato il 7 febbraio '83 a Hohenens. Nel 2004 ha esordito in F.1 disputando con la Jaguar ottenendo tre punti. Il pilota austriaco è «rimasto» in dote alla Redbull che lo ha preferito all'italiano Vitantonio Liuzzi, campione in carica della F.3000, schierandolo già dal primo GP di Melbourne. Per lui 33 GP con 12 punti e come miglior risultato il quinto posto proprio nell'ultima gara del 2005 in Cina.

BMW-SAUBER: Il colosso di Monaco di Baviera ha acquistato il team svizzero Sauber e per questo 2006 correrà con la denominazione BMW-Sauber. La scuderia è rimasta ad Hinwil e oltre al riconfermato Jacques Villeuve ha portato in dote dall'esperienza con Williams il tedesco Nick Heidfeld. La nuova F1.06 sembra una buona vettura, così come il V8 P86 da 90 gradi.

NICK HEIDFELD: Nato il 10 maggio 1977 a Monchengladbach, debutta nel 2000 alla guida della Prost (Melbourne). Nel 2001 il passaggio alla Sauber costellato dal terzo posto in Brasile. L'anno scorso alla Williams con 3 podi ma anche l'incidente nei test di Monte Carlo che di fatto ha chiuso la sua esperienza con il team britannico. 99 i Grand Prix disputati con 55 punti mondiali.
JACQUES VILLENEUVE: Nato in Quebec in Canada il 9 aprile del '71, è il classico figlio di... che è riuscito a ripetere le orme del padre. Prima si impose nel campionato americano Cart vincendo anche la 500 Miglia di Indianapolis e poi l'anno dopo, era il 1996, effettuò il suo debutto con la Williams fallendo di poco la vittoria, che poi centrò al GP d'Europa. Arrivò secondo nel mondiale che poi vinse l'anno dopo al termine di un entusiasmante duello con la Ferrari di Schumacher (che fu poi squalificato per averlo buttato fuori nell'ultima gara, ndr). Poi iniziò subito il declino, passò alla neo scuderia BAR con il quale non concluse granchè. Dopo un anno sabbatico è stato «ripescato» per tre gare da Briatore al posto di Trulli nel 2004. Poi l'ultima avventura con la Sauber e la riconferma nel nuovo team BMW-Sauber. Per lui 152 GP, 11 vittorie, 228 punti e 13 pole e 23 podi.

MIDLAND: Il Team «giallo» per eccellenza, la Jordan, stressato da gravi problemi economici ha passato la mano già nel 2005 al Gruppo Midland diretto da Alex Schnaider che, in questa nuova stagione correrà con il propri nome e con licenza russa. La M16 sarà equipaggiata dal V8 Toyota. Riconfermato il portoghese Tiago Monteiro è arrivato dalla «defunta» Minardi l'olandese Christijan Alberers.

CHRISTIJAN ALBERS: Il pilota di Eindhoven (16 aprile '79), arriva nella massima formula passando per la F3000 con la squadra European (Minardi) Racing, nel 2000. L'anno dopo il passaggio al campionato di superturismo tedesco (DTM) dove ha corso con la Mercedes ottenendo cinque vittorie in gara ed il secondo posto nel 2003 ed il terzo nel 2004. Nella passata stagione il suo debutto in F.1 con la Minardi. Per lui 19 GP e 4 punti, frutti del quinto posto nella «scandalosa» gara di Indianapolis con solo 6 monoposto in pista..
TIAGO MONTEIRO: Nativo di Oporto (24 luglio '76), in Portogallo, ha iniziato a correre tardi, nel '97, nella Porsche Cup, ottenendo il titolo nella categoria B. L'anno dopo è passato alla F.3 vincendo la sua prima gara nel 1999. Secondo nel campionato francese sia nel 2000 che nel 2001; è poi emigrato negli Stati Uniti dove ha corso nel 2003 in F.Cart. Nel 2004 è tornato in Europa disputando le World Series by Nissan con la Carlin Motorsport, vincendo cinque gare e piazzandosi secondo in campionato alle spalle del finnico Heikki Kovalainen. Nella passata stagione l'esordio con la Jordan con 19 GP, sette punti ed il terzo posto dietro alle Ferrari nel GP degli Stati Uniti, decimato dalla «fronda» dei teams gommati Michelin.

TORO ROSSO: Nasce dalle ceneri del team faentino Minardi ed in Romagna, al momento mantiene la sua sede. Per metà proprietà della RedBull e per l'altra dell'ex pilota austriaco Gerard Berger, sarà l'unica scuderia che userà un V10 depotenziato, il Cosworth della passata stagione. I piloti saranno il nostro Vitantonio Liuzzi e lo statunitense Scott Speed.

SCOTT SPEED: Nato a Manteca in California il 4 gennaio 1983, Speed. grazie al sostegno della Red Bull debuttara in Formula 1 nel 2006 con la nuova squadra Toro Rosso. Inizi nel karting nel 1993 con numerosi titoli negli otto anni successivi. Nel 2001 in debutto alla guida di una monoposto nella Barber Dodge prima di un passaggio in Formula Mazda l'anno dopo. Nel 2003, Speed entra sotto le ali della Red Bull disputando il campionato britannico di F3 e la Formula Renault tedesca. Nel 2004 un test con il team IRL IndyCar di Eddie Cheever prima di passare a nuovo campionato GP2 nel 2005 con la squadra iSport International. Scott Speed ha concluso l'anno in terza posizione dietro Nico Rosberg e Heikki Kovalainen. In Formula 1 è stato il terzo pilota Red Bull nelle libere dei GP di Canada e Stati Uniti.
VITANTONIO LIUZZI: Nato il 6 agosto 1981 a Locorotondo, ha debuttato a 10 nel karting dove è rimasto fino al 200. L'anno successivo è passato alla Formula Renault dove da esordiente ha concluso al secondo posto. Nel 2002, primo assaggio di una F.1 con un test effettuato con la BMW Williams, il tutto mentre era impegnato nel F.3 tedesca, con una vittoria a San Marino e tre pole. Nel 2003 il salto in F3000 con il team Coloni con un quarto posto finale ed il titolo di «rookie» dell'anno. Nel 2004, il passaggio alla Arden International, con sette successi, nove pole che gli valsero il titolo. Ancora un test in F.1 con la Sauber, prima di finire sotto contratto con la Red Bull. Il pilota abruzzese ha iniziato come pilota collaudatore impegnato il venerdì dei Gran Premi prima del debutto ad Imola per il GP di San Marino, al fianco di David Coulthard, finendo subito a punti con l'ottavo posto. Poi le gare in Spagna, Monaco ed al Gran Premio d'Europa, prima di cedere definitivamente il volante della monoposto austriaca a Christian Klien. Ora per Tonio Liuzzi c'è la possibilità di mostrare quanto vale al volate della Toro Rosso. Il suo obiettivo svettare tra i piloti dei team minori.

SUPER AGURI: E' l'undicesimo team che la FIA ha accettato di far correre dopo aver negato l'accesso alla F.1 ad una prima richiesta non ritenuta soddisfacente. Prende il nome dall'ex pilota giapponese Aguri Suzuki ed avrà sede a Langley, nell'Oxfordshire, in Inghilterra. La SA 05 monterà il V8 della Honda. Nipponici entrambi i piloti. Takuma Sato che viene dalla stagione in BAR-Honda ed il debuttante Yuji Ide. Impossibile fare un pronostico su questa stagione d'esordio del terzo team con gli occhi a mandorla.

TAKUMA SATO: Nato a Tokyo il 28 gennaio 1977, ha debuttato nel GP d'Australia del 2002 disputando 51 GP e ottenendo 38 punti. Il suo miglior risultato è un terzo posto nell'unico podio conquistato. Il pilota nipponico è famoso per i suoi comportamenti un po' guasconi in corsa. Speriamo che nel 2006 pensi maggiormente a sviluppare la nuova monoposto a lui affidata.
YUJI IDE: Nato il 12 genaio del 1975 a Saitama, in Giappone, è il vice campione nella Formula Nippon ed è un debuttante così come il team per il quale gareggerà. I suoi inizi agonistici risalgono al 1990 con il karting. Nel '94 il salto nella F.3 nipponica. Nel 2002 il passaggio a quella francese e nel 2003 il passaggio alla Formula Nippon dove finì settimo. Terzo l'anno dopo e secondo nel 2005 con le vittorie a Suzuka e Mine.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive