Domenica 24 Gennaio 2021 | 05:03

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariBurrasca in arrivo
Maltempo nel Barese, scatta da domani allerta arancione per forte vento

Maltempo nel Barese, scatta da domani allerta arancione per forte vento

 
BrindisiIl caso
Presunti abusi al porto di Brindisi: 12 richieste a processo

Presunti abusi edilizi nel porto di Brindisi: chiesto il processo per 12 persone

 
LeccePuglia, cinema e tv
Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

Un ciak a Lecce per Ornella Muti, Raoul Bova e Serena Autieri. A Taranto girata fiction Rai

 
TarantoIl caso
Taranto, poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati medici

Poliziotta barese morta dopo 3 interventi, condannati i medici

 
FoggiaIl virus
Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

Covid, 26 positivi all'ospedale Lastaria di Lucera: anche 15 pazienti

 
PotenzaIl bollettino regionale
Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

Coronavirus in Basilicata, 62 positivi e 2 decessi. Regione resta in zona gialla

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 

Comencini: sono felice così deve essere l'ambiente del cinema

Cristina ComenciniLOS ANGELES - «Sono contenta, non ci crederete ma sono contenta e sto benissimo. Solo un po' di batticuore quando hanno aperto la busta, ma poi e passato tutto. La cosa importante è essere stata ammessa in questo ambiente, in questa fantastica comunità di Hollywood». E raggiante lo è davvero, la regista italiana nonostante l'Oscar per il migliore film in lingua straniera sia andato al 'Tsotsi', il film sudafricano e non al suo 'La Bestia nel Cuorè. I pronostici vedevano il film sudafricano favorito insieme al palestinese 'Paradise Now'. «Ci siamo andati molto vicini: a ogni proiezione, a ogni evento cui ho partecipato ho visto e capito che il film è stato molto amato. Tsotsi è un film diverso. Tutti e cinque erano molto belli, ma sentivo che c'era una grande voglia di dare l'Oscar al sudafricano. Comunque la cosa importante è stata la nomination che ci ha permesso di stare in mezzo a tutta questa gente di livello incredibile. Come si fa a essere dispiaciuti per una sconfitta, quando i perdenti sono tutti grandi registi, attori, scrittori? Mi è bastato essere accolta come è accaduto. Mi hanno fatto sentire parte integrante di questa comunità ed è un atteggiamento che in Italia dovremmo imparare e adattarlo al nostro modo di essere».

La Comencini era partita con un spirito molto olimpico: «Ed è lo spirito giusto. Ho visto persone abbracciarsi che non avrei mai immaginato, ho visto il senso della diginità negli sconfitti questa è una comunità e un'esperienza che mi rimarranno nel cuore». Al simposio che precede la cerimonia la Comencini ha tenuto la mano del regista palestinese: «E' una persona molto dolce e tenera. Molto educata. E' così che deve essere l'ambiente e il mondo del cinema. Con gli attori e i registi che si aiutano e si sostengono a vicenda. In Italia non è così. Forse è perchè si fa poco cinema e tutto diventa più aspro, più competitivo. Loro hanno una coperta più grande della nostrà e allora è più facile» Tornerà a casa contenta, dunque? «Sì perchè sono stata circondata dal grande cinema, e perchè anche gli altri film in concorso hanno mosso i cuori delle persone. E sono stata orgogliosa di avere rappresentato il cinema italiano ed è una cosa che andrà avanti, non lo farò io, ma saranno altri a fare conoscere il cinema italiano moderno, per cui qui c'e una grande curiosita . Ma bisogna farlo bene, con passione e poi farlo conoscere al mondo».
'Crash' è stato giudicato migliore film: «Ed è un'ottima scelta, la stessa che avrei fatto io. Non me l'aspettavo che avrebbe vinto, ma credo fosse il migliore. Un film davvero interessantissimo». Durante la serata è facile trovarsi faccia a faccia con i grandi nomi dello spettacolo: «Ho conosciuto il direttore della fotografia di 'Brokeback Mountain' e poi un sacco di sceneggiatori e nemmeno un regista». Tutti uomini? «Già, donne poche, solo le attrici e qualche produttrice. E infatti mi sarebbe piaciuto vincere per fare il mio discorso sulle donne, che sono sempre troppo poche. Sara per un altra volta».
Andrea Carugati

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400