Martedì 19 Gennaio 2021 | 12:58

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Salento
Taviano, il sindaco anti-assembramenti accompagna i vigili a fare le multe

Taviano, il sindaco anti-assembramenti accompagna i vigili a fare le multe

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
PotenzaLa pandemia
Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

 
BariDai carabinieri
Mola di Bari, sorpresi di notte a rubare carciofi per 7mila euro: arrestati dopo un inseguimento

Mola di Bari, sorpresi di notte a rubare carciofi per 7mila euro: arrestati dopo un inseguimento

 
Foggianel Foggiano
Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 
Tarantocontrolli del CC
Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Gli italiani rientrano da Tripoli: nostra reputazione rimane alta

FIUMICINO (ROMA) - «A Tripoli è tutto tranquillo ma si avverte un po' di tensione. Per i libici la nostra reputazione rimane positiva, ma in questi giorni dopo il comportamento dell'ex ministro Calderoli, mi sono vergognato di essere italiano». E' la testimonianza di Marco Bonacchi, di Pistoia, uno degli italiani rientrati nel pomeriggio con un volo di linea Alitalia da Tripoli, in tutto un piccolo gruppo, per lo più persone che lavorano da tempo in Libia.
All'aeroporto di Fiumicino, Bonacchi, impiegato in un'azienda e che di frequente si avvicenda tra Italia e Libia, ha detto «di aver saputo di quanto stava accadendo a Bengasi solo da internet. In molti, tra chi ho visto in questi giorni, ci siamo sdegnati per quanto fatto da Calderoli; non si può scherzare su certe cose, per di più se si è un ministro, è mancanza di responsabilità, in un momento particolare come questo, vista il discorso religioso che alla base di quanto accade a Bengasi. Rispetto al resto della Libia, lì c'è comunque un situazione diversa: a livello politico, è un posto dimenticato da Dio e quanto accaduto, dopo la scintilla che ha acceso tutto, potrebbe essere legato ad una contestazione verso la leadership libica».
«In questi giorni ci hanno consigliato precauzionalmente di non uscire - riferisce invece Dante, un lavoratore molisano dell'Iveco - ma la situazione è assolutamente senza problemi a Tripoli. A Bengasi avevamo un collega che è stato fatto tornare a Tripoli, ma per il momento non rientrerà in Italia; si spera possa tornare al posto di lavoro appena la situazione si sarà ristabilita. Ho la sensazione però - conclude - che a Bengasi non aspettassero altro che un pretesto per scatenare, per motivi interni alla Libia, quanto successo». Poi un libico si avvicina e, con ampi gesti, un po' in italiano e un po' in inglese, cerca di portare un segnale di distensione: «Italia e Libia no problem, siamo una famiglia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400