Mercoledì 19 Dicembre 2018 | 08:22

GDM.TV

i più visti della sezione

Calcio / Serie A - Il Messina ferma la Juventus sul 2-2

MESSINA - Dopo un anno la Juventus torna nel catino del "San Filippo" e, a 364 giorni esatti dalla sua ultima esibizione, rischia ancora una volta la capitolazione contro un Messina determinato, tenace, volitivo, sicuramente poco incline a recitare il ruolo di vittima predestinata. Calcio - Messina Juventus
Finisce in parità perché i bianconeri fanno appello a tutte le loro risorse e grazie alla classe di alcuni suoi elementi. Ma anche in virtù della straordinaria determinazione del Messina, che ha sopperito all'assenza di ben sette titolari (Sculli, Di Napoli, Parisi, D'Agostino, Muslimovic, Zoro e Storari) con qualità morali e caratteriali.
Ci pensano proprio gli uomini dello Stretto a spezzare l'inerzia della partita, confezionando il gol del vantaggio con un'azione in linea che taglia in due la difesa bianconera. Poco prima, Fabio Cannavaro aveva sfiorato il gol con in colpo di testa da distanza ravvicinata alto di poco. Il Messina gioca sullo slancio e una Juventus brutta, oltre che svogliata, fatica parecchio ad arginare le puntate offensive dei giallorossi.
All'8' i campioni d'Italia rischiano ancora, allorché Nanni entra in area, si allunga leggermente il pallone, ma riesce ugualmente a concludere su Buffon in uscita.
È un Messina pimpante, essenziale, concreto, che accorcia le distanze, attacca gli spazi e toglie il fiato alla Juventus, che soffre soprattutto a centrocampo, dove Vieira ed Emerson stentano a prendere in mano il comando delle operazioni. I bianconeri, però, sono campioni di razza e non ci mettono molto a dimostrarlo anche ai tifosi siciliani (lo avevano già fatto a Palermo, vincendo di rimonta grazie alla doppietta di Adrian Mutu).
La Juventus, insomma, si riorganizza e comincia a prendere d'assalto la sedici metri del Messina che si difende senza ordine, ma sempre in maniera efficace. Ibrahimovic comincia a farsi vedere e, ai tocchi di fino, abbina anche un po' di quantità: lo svedese al 13' tira alto da buona posizione, mentre al 18' realizza il pareggio, finalizzando al meglio un'azione alla mano di stampo rugbistico.
La ripresa si apre con una bella iniziativa del duo Nedved-Del Piero, con conclusione del secondo alta di poco sopra l'incrocio. Al 6' la Juventus va a un passo dal raddoppio: pinizione da destra di Camoranesi, ma Emerson, Ibrahimovic e Cammavaro mancano la stoccata vincente davanti a Caglioni.
Un minuto ancora e Cannavaro finisce negli spogliatoi dopo avere steso Rafael che era partito a razzo verso la porta di Buffon. Capello corre subito ai ripari: toglie Del Piero e getta nella mischia Thuram che all'8' si fa sorprendere assieme ai compagni di reparto da un'azione a percussione del Messina che, con Nanni e Floccari confeziona la più ghiotta delle opportunità, ma senza riuscire a trovare lo spiraglio giusto per superare Buffon, molto fortunato nella circostanza.
Il finale è quanto mai pirotecnico e ad alta tensione: segna la Juve su rigore, concesso con un po' di benevolenza da Farina (poco brillante la sua prestazione) e trasformato da Mutu (al terzo gol in Sicilia, nell'arco della stagione in corso), pareggia il Messina con Floccari, che ricorderà a lungo questa serata per avere rifilato un'irriverente doppietta alla Vecchia Signora, avere firmato il primo gol in Serie A e la prima doppietta con la maglia giallorossa del Messina.
L'attaccante arrivato il mese scorso dal Rimini non ha fatto rimpiangere Arturo Di Napoli.
Adolfo Fantaccini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Raf e Umberto Tozzi si raccontano: segui la diretta

Raf e Umberto Tozzi, la strana coppia si racconta alla Gazzetta Rivedi la diretta

 
"Grazie per quello che fate e che avete fatto"Gli auguri di Rosso  capo di stato Maggiore

"Grazie per quello che fate e che avete fatto"
Gli auguri di Rosso capo di stato Maggiore

 
Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese per me è un orgoglio»

Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese? Un orgoglio»

 
Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

 
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo