Venerdì 19 Aprile 2019 | 07:17

Il Biancorosso

LE ULTIME NOTIZIE
Il Bari giocherà col 4-4-2avanti Simeri e Iadaresta

Il Bari giocherà col 4-4-2
avanti Simeri e Iadaresta

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariVerso le europee
«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

Lollobrigida:«Tajani garante di questa Ue noi per l’interesse nazionale»

 
PotenzaLa curiosità
Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: squadra di un paese di 5mila anime

Calcio, anche il piccolo Picerno arriva in C: aggrediti 3 calciatori del Taranto

 
LecceNel Leccese
Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

Manifesto funebre e proiettili: minacce al candidato sindaco a Parabita

 
BrindisiOperazione dei cc
Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

Brindisi, 1kg di droga in casa e nel box auto, arrestato

 
FoggiaCriminalità
Tentata estorsione a imprenditori agricoli nel Foggiano: arrestati padre e figlio

Tentata estorsione a imprenditori agricoli: arrestati padre e figlio

 
BatAl secondo mandato
Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

Andria, il bilancio non passa: cade amministrazione Giorgino

 
MateraLa statistica
Turismo in Basilicata, cresce solo nel Materano : al Potentino vanno le briciole

Turismo in Basilicata, cresce nel Materano: al Potentino le briciole

 

Snowboard: è qui la festa?

Olimpiadi Torino 2006 - SnowboarderBARDONECCHIA (TORINO) - Li chiamano «surfisti della neve», loro preferiscono definirsi artisti: sempre allegri, mai polemici, felici di fare spettacolo sulle loro tavole. Sono gli atleti dello snowboard, la disciplina che fa impazzire i ragazzi e scoppiare di invidia i loro genitori. A Torino 2006 lo show va in scena sulle piste di Bardonecchia, nell'alta valle di Susa. Sarà la città più spensierata dei Giochi di Torino 2006, c'è da giurarci. Sull'agenda degli snowboarder c'è un appuntamento importante, per loro, quanto, e forse ancora di più, delle gare: la tradizionale grande festa in discoteca. E così gli artisti del monosci, come veniva chiamato una volta, si preparano alla lunga serata di domenica prossima, per il «party più cool della stagione», come recita l'invito della Redbull, sponsor dello snowboard. Si annuncia la solita notte scatenata.

Alla festa ci saranno tutti, gli artisti della neve: quelli che gareggiano nel più classico gigante parallelo, gli spericolati del boardercross, per la prima volta nel programma ufficiale olimpico, e i funamboli sul mezzo tubo dell'half pipe, poche ore dopo l'assegnazione del primo oro (maschile).
Parlare di podi e di medaglie sembra quasi irriverente nell' allegra combriccola degli snowboarders, in realtà il successo piace, e molto, anche a loro. Gli italiani hanno serie ambizioni e abbondano pure i motivi di rivincita. Al ventitreenne udinese Giacomo Kratter, ad esempio, all'ultima Olimpiade, a Salt Lake City, la medaglia di bronzo nell'half pipe è sfumata per un decimo di punto, un'inezia. Un risultato che ha lasciato l'amaro in bocca, con il sospetto che un giudice, poichè i Giochi erano negli Usa, abbia favorito l'americano Thomas.
Kratter ha accettato il verdetto con serenità, perchè «più che uno sport - dice - lo snowboard è una filosofia di vita. Lo snowboard è libertà, un feeling con la neve. Durante le gare c'è meno tensione. meno angoscia, rispetto agli altri sport. Si può davvero affermare che siamo tutti amici».
Olimpiadi Torino 2006 - Snowboarder
Un'altra azzurra motivatisima è la bolzanina Carmen Ranigler, fermata a un mese dai Giochi di Salt Lake City perchè trovata positiva agli steroidi a un controllo antidoping a sorpresa. E' stata al palo due anni, fino al dicembre 2003, a Bardonecchia ce la metterà tutta pur di salure sul podio. Gli italiani da medaglia, o comunque da ottimo piazzamento, non finiscono qua, sottolinea con orgoglio Gianmarco Peri, il direttore tecnico della squadra azzurra. Le frecce sono anche, nel boardercross, il piemontese Simone Malusà, 32 anni fra pochi giorni, il ventitrenne milanese Simone Tagliaferri, il trentino Alberto Schiavon, il genovese Stefano Pozzolini. Nel gigante parallelo sono agguerrite le veterane Marion Posch (classe 1972, 43 podi e 16 vittorie in Coppa del mondo), altoatesina, e Lidia Trettel ('73), trentina, la ventenne carabiniera udinese Corinna Boccaccini. «Non dico che sbancheremo il podio - precisa Peri - ma sono molti gli azzurri con potenzialità da medaglia. Poi, si sa, in una gara secca il risultato dipende per il 50% dalla fortuna, anche i ragazzi dello snowboard sentono la pressione dell'Olimpiade. Ma - aggiunge il ct azzurro - gli allenamenti sono stati buoni, la neve di Bardonecchia è eccellente». E lo snowboard non può essere certamente più considerato uno sport minore ai Giochi. «In Italia - chiude Peri - lo praticano 500-600mila persone, gli atleti che partecipano a gare internazionali sono 300».
Renato Botto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

Bari in Serie C, i tifosi accolgono i galletti in aeroporto

 
Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

Settimana Santa, la processione del Sabato Santo a Molfetta

 
Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false

Porto Brindisi, GdF sequestra 57mila paia di infradito Havaianas false

 
La pizzica sulla Piazza Rossa: Mosca tarantata dalla Puglia

La pizzica sulla Piazza Rossa: Mosca tarantata dalla Puglia

 
Ruspe a Borgo Mezzanone

Ruspe nella baraccopoli di Borgo Mezzanone: impegnati 209 agenti

 
Lecce, vede mostra Van Gogh in realtà virtuale e scatta foto: il video diventa virale su Fb

Lecce, vede mostra Van Gogh in realtà virtuale e scatta foto: il video diventa virale su Fb

 
S.Spirito, in cella due rapinatori terrore dei supermercati della zona

S.Spirito, in cella due rapinatori terrore dei supermercati della zona

 
Parigi, Notre Dame come il Petruzzelli: la distruzione sotto gli occhi del mondo

Parigi, Notre Dame come il Petruzzelli: la distruzione sotto gli occhi del mondo