Venerdì 14 Dicembre 2018 | 14:02

GDM.TV

Un viaggio premio trasformato in tragedia

Roma - Pullman in scarpata: le salme dei passeggeriROMA - Se alcuni non avessero le coperte militari dei soccorsi sulle spalle e l'aria sparuta di chi ha appena subito uno choc, il gruppo di uomini eleganti che scende a piedi da via Romeo Romei potrebbe senza dubbio provenire da una serata galante. Come difatti era: agenti commerciali turchi della Ford di ritorno da una serata speciale nella esclusiva Villa Miani. Ma il viaggio premio della casa automobilistica ha avuto un tragico imprevisto: il settimo degli otto bus che riportava all' Excelsior la delegazione di circa 350 turchi, non curva nel tornante di via Trionfale, sfonda un muretto e precipita per una quindicina di metri in un giardino privato: dodici morti e venti feriti di cui sei gravi.
Miracolosamente e inspiegabilmente, è salvo l'autista del pullman, l'unico italiano oltre ai 31 passeggeri. Miracolosamente perchè l'automezzo è precipitato giù di testa, e come una freccia si è quasi conficcato nel terreno, rimanendo in verticale simile a un monumento spettrale e fuori posto nei pochi metri quadrati di verde condominiale. Agli inquilini delle due palazzine che affacciano sul giardino ed ai soccorsi, giunti in pochissimi minuti, la scena è apparsa ovviamente raccapricciante: cadaveri stesi qua e là tra le piante, vicino a un albero ad alto fusto, curvi tra le lamiere contorte del lato anteriore dell'autobus. Si comprende subito che l'incidente è gravissimo, sul posto accorre anche l'ambasciatore turco e il sindaco di Roma Walter Veltroni.
Trascorrono pochi minuti e quell'angolo tranquillo, residenziale e ben sorvegliato alle spalle del Tribunale di Roma di piazzale Clodio, pullula di uomini in divisa che lavorano freneticamente alla luce delle fotoelettriche e di un gigantesco generatore dei vigili del fuoco. I feriti vengono trasportati in tre, quattro ospedali della zona, si avviano le indagini, cominciano i rilievi. Con un' angoscia da sciogliere perchè in questo incidente c'è più di un aspetto da chiarire: la curva a gomito che l'autobus non ha percorso in via Trionfale è a un centinaio di metri dal grande cancello di Villa Miani, la strada non è ben illuminata, anzi forse la curva è completamente al buio, ma nessuno, nemmeno chi non conosce la strada, viaggerebbe a velocità sostenuta in quel tratto. Tanto meno se si è alla guida di un autobus carico.
Un paio di metri prima della curva, inoltre, comincia una lunga traccia di pneumatico che taglia la curva e finisce nella scarpata: una sola, non due parallele come di solito avviene per una frenata improvvisa. Dalle prime indagini sicuramente si possono escludere due ipotesi: alta velocità e ghiaccio. Ne rimangono due sui taccuini degli investigatori: il guasto meccanico e il malore dell'autista. Nel guasto meccanico rientrerebbe anche la possibilità che il motore si sia spento: per l'umidità o perchè il pullman è partito a motore ancora freddo. In questo caso, senza servosterzo nè servofreno controllare un automezzo di quelle dimensioni su una strada stretta e a tornanti è praticamente impossibile. L'autobus ha affrontato la curva ma non è riuscito a percorrerla tutta.

Per Veltroni la tragedia affratella il popolo italiano e quello turco: gli italiani piangono don Andrea Santoro, i turchi i loro caduti. «Sentiamo la Turchia un paese molto vicino», ha detto prima di andare via a tarda notte.
Intorno alle cinque i corpi sono stati portati via, la zona è più tranquilla. Resta soltanto quell' autobus bianco piantato là, in mezzo al giardino. A rimuoverlo, issandolo, sarà un mezzo speciale, di una ditta privata, atteso da Brescia. Non arriverà nella capitale prima del pomeriggio, poi la strada sarà chiusa e potranno cominciare le complesse operazioni
Francesco De Filippo

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori