Venerdì 14 Dicembre 2018 | 21:31

GDM.TV

Confindustria - Montezemolo: meno Stato, più impresa per rendere il nostro Paese più attraente

Luca Cordero di Montezemolo, presidente Confindustria FOGGIA - Preferisce parlare di una situazione nazionale di crisi economica, il presidente di Confindustria Luca Cordero di Montezemolo, concludendo i lavori della Seconda Assise degli industriali pugliesi. E quando fa esplicito riferimento alle cose di Puglia non evita due frecciate alle scelte di politica regionale: per l'ingresso al lavoro che ancora fa riferimento a strategie vecchie (anche se senza toccare esplicitamente la riforma dell'apprendistato voluta dalla Giunta) e all'eccessivo «statalismo municipale o neostatalismo di ritorno» di un sistema amministrativo che si occupa anche dei settori che invece dovrebbero essere esclusiva gestione dell'impresa privata.
«In Italia lavorano troppe poche persone - sottolinea Montezemolo - abbiamo un peso fiscale troppo oneroso, un costo dell'energia tra i più cari d'Europa, la piaga del lavoro nero da sradicare perché penalizza le imprese in regola. Abbiamo da compiere scelte responsabili che determineranno la vita dei nostri figli, confrontandoci con numeri da emergenza. Per poter riprendere a crescere dobbiamo rendere nuovamente attraente il nostro Paese, creando le premesse che possano riportare da noi investitori stranieri, i migliori studenti, turismo di qualità».
Montezemolo punta il dito contro i monopoli statali e la burocrazia che toglie ossigeno alla imprese, frenando un mercato che necessità maggiore libertà di manovra.
«Si devono liberare energie ed invece si assiste a livello locale a politiche di statalismo municipale invadenti - spiega Montezemolo - lo Stato si deve occupare solo dei settori dove l'impresa non può arrivare. Se guardo alla Puglia, invece, vedo con preoccupazione a scelte strutturate per consolidare la presenza dello Stato».
Il sogno del Paese di Montezemolo si concretizza in più innovazione, più concorrenza e più solidarietà, all'interno di politiche di concertazione, per mettere insieme quello che ci unisce e non ciò che ci divide.
«Chi viene dopo di noi ci giudicherà per quello che abbiamo fatto - sottolinea in chiusura del proprio discorso - non per le parole dette».
R. Sche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori