Domenica 09 Dicembre 2018 | 23:11

GDM.TV

i più visti della sezione

Inaugurazione Anno Giudiziario - Il ministro Castelli: «Nel rispetto della Costituzione, abbiamo approvato norme senza precedenti»

ROMA - Il Parlamento, «in questa legislatura» ha approvato «una serie di norme che non è azzardato dichiarare senza precedenti rispetto a qualsiasi altra legislatura repubblicana». Così, nel suo intervento all'inaugurazione dell'anno giudiziario, il ministro della Giustizia, Roberto Castelli. ministro giustizia castelli
Il guardasigilli poi elenca le riforme fatte dal governo Berlusconi: «La riforma dell'ordinamento giudiziario, la riforma del diritto societario, la riforma delle procedure concorsuali e la riforma di una parte significativa del Codice di procedura civile costituiscono - afferma Castelli - infatti un corpus di riforme, che certamente contribuirà da un lato a ridurre la durata dei processi e dall'altro ad incrementare la competitività del sistema Italia».
Ma «si poteva fare di piu?», si chiede lo stesso ministro.
«La risposta non può che essere affermativa, perchè fa parte della natura dell'uomo, nel momento in cui sottopone alla visione critica il proprio operato, individuare i ritardi, gli errori, le previsioni sbagliate».
Castelli poi si pone altri interrogativi: «Abbiamo fatto ciò che era necessario? Abbiamo dato risposte esaurienti ai cittadini? A queste domande si può rispondere guardando dentro di se', ma ciò - per il guardasigilli - non è importante. Importante sarà il giudizio che a breve darà il popolo sovrano». Secondo il ministro della Giustizia in «questi cinque anni di attività, spesso ardua e faticosa, ma anche ricca di proficuo lavoro e traguardi raggiunti, due sono stati gli obiettivi che mi sono prefissato.
Il primo è stato il rigoroso rispetto dei principi contenuti nella nostra Carta costituzionale - ricorda Castelli - relativi alla suddivisione dei poteri. Essi, come qualsiasi altra manifestazione inerente l'estrinsecazione della sfera di libertà, non possono mai essere dati per scontati, ma vanno difesi giorno per giorno». E a questo punto Castelli si richiama alle parole scritte da John Locke, «più che mai attuali nel contesto storico che il nostro Paese sta attraversando»: «Il potere legislativo (scriva Locke, n.d.r.) non è il solo potere supremo dalla comunità politica, ma è anche sacro e inalterabile nelle mani nelle quali la comunità lo ha una volta collocato, e nessun editto di nessun'altra persona, quale che sia la forma in cui è concepito o il potere dal quale è sostenuto, ha la forza e l'obbligazione di una legge, se non riceve la sanzione del potere legislativo, che il pubblico ha scelto e designato». E Castelli a questo punto aggiunge: «Ho sempre difeso questo principio, cardine di ogni società democratica, avvalendomi appieno dei poteri conferitemi dagli articoli 107 e 110 della Costituzione, ma anche cercando di agire nel pieno rispetto dell'autonomia e della indipendenza della magistratura».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca

 
F-104, la  storia di un mitoper tre generazioni di piloti

F-104, la storia di un mito
per tre generazioni di piloti

 
Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: segui la diretta

Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: rivedi la diretta

 
Porto di Taranto, ecco l' ingresso spettacolare della portaerei Cavour

Porto di Taranto, ecco l'ingresso spettacolare della portaerei Cavour