Sabato 15 Dicembre 2018 | 05:42

GDM.TV

Quote rosa: il decreto cade in Senato, battuto dalla sua stessa maggioranza. Arrabbiata la Prestigiacomo

Stefania PrestigiacomoROMA - Il ddl sulle quote rosa torna in commissione. La Cdl è stata battuta nell'aula del Senato.
Di fatto la Cdl ha «auto-affondato» il provvedimento perchè la richiesta di rinvio in commissione è venuta da Gaetano Fasolino, senatore di Forza Italia, che ha parlato a titolo personale. Fasolino ha posto una questione pregiudiziale di ritorno in commissione del provvedimento tra lo sconcerto dell'aula e soprattutto la evidente irritazione del ministro per le Pari Opportunità Stefania Prestigiacomo, che ha chiesto di parlare per ricordare al senatore quale era la posizione ufficiale del governo e del presidente del Consiglio su questo argomento. Fasolino ha insistito e alla fine la richiesta di rinvio ha avuto 41 sì e 34 no (245 quindi erano gli assenti). Di fatto, come ha detto il vice capogruppo di Forza Italia Lucio Malan, gran parte dei senatori dell'Udc e della Lega presenti «e anche due di An» hanno votato a favore della mozione Fasolino che rispedisce in commissione il provvedimento. «E' noto che anche tre ministri hanno votato no a questo provvedimento in Consiglio dei ministri», ha detto Malan.

PRESTIGIACOMO, RAMMARICATA E ARRABBIATA
«Sono rammaricata e arrabbiata. Evidentemente non c'è la volontà...». Stefania Prestigiacomo commenta a caldo il sostanziale no dell'aula del Senato al ddl del governo sulle quote rosa. «Tranne il gruppo di An, a cui debbo dare atto di essersi impegnato, debbo constatare che manca la volontà politica - attacca il ministro - Si vede ad esempio il capogruppo di Forza Italia esprimersi a favore e poi la gran parte del gruppo votare in modo ben diverso in aula». «C'è poi - aggiunge - la latitanza della sinistra perchè questo era una provvedimento che doveva interessare tutti, trasversale, ma certo non posso pretendere il 'soccorso rossò. Le donne ora sono nelle mani delle segreterie dei partiti con liste che non possono indicare l'identità del candidato. Quest'anno è il sessantesimo del diritto al voto per le donne, dovranno attendere altri sessanta anni per essere effettivamente votate?».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori