Sabato 15 Dicembre 2018 | 21:10

GDM.TV

Il ministro Alemanno, coinvolto nel caso Parmalat, rinuncia all'immunità parlamentare

ROMA - «Non intendo nascondermi dietro l'immunità parlamentare e sono certo che la magistratura riconoscerà prontamente la mia totale estraneità». Lo ha detto il ministro delle Politiche agricole e forestali, Gianni Alemanno, dopo la richiesta di procedimento avanzata dal Tribunale dei ministri sulla vicenda Parmalat.
«Voglio - ha affermato il ministro - che questa vicenda sia chiusa nella massima trasparenza, la stessa che ha caratterizzato sempre la mia attività politica».
«Non voglio sottrarmi ad alcun tipo di giudizio, perchè il mio comportamento è stato lineare, corretto e trasparente», ha aggiunto Alemanno sottolineando che «è stato lo stesso pubblico ministero, il sostituto procuratore Giordano, a riconoscere la piena legittimità del mio comportamento richiedendo al Tribunale dei Ministri l'archiviazione con la seguente motivazione: La forma scelta per sostenere la forza politica in questione appare legittima, indiretta e priva di rilevanza penalè».
Uguale giudizio, ha ricordato ancora il ministro, era stato espresso del procuratore di Parma che aveva trasmesso gli atti al Tribunale dei Ministri con analogo parere «escludendo ogni rilevanza penale nel mio comportamento».
«Pur essendo sicuro di un orientamento favorevole della Camera dei Deputati, che ha negato l'autorizzazione a procedere in casi analoghi - ha concluso Alemanno - chiederò ai miei colleghi di concedere senza indugio l'autorizzazione a procedere».

Al centro del contendere un finanziamento di 85mila euro Un contributo illecito di 85 milioni di euro ricevuto da Calisto Tanzi e destinato, tramite contributi alla rivista Area, ad Alleanza nazionale. E' l'accusa rivolta al ministro delle Politiche agricole Gianni Alemanno, per il quale il Tribunale dei ministri ha chiesto l'autorizzazione a procedere alla Camera.
Oltre al ministro e a Tanzi, l'accusa di illecito finanziamento coinvolge anche Romano Bernardoni, incaricato dall'ex patron della Parmalat «di tenere i rapporti con il mondo politico e con gli esponenti dei partiti a livello nazionale». I magistrati del Tribunale dei ministri contestano il pagamento alla rivista «Area» di 89.280,00 euro (74.400,00 più il 20% di Iva) da parte della società «Bonatti», di cui Tanzi deteneva il 38% del capitale sociale, per l'acquisto di spazi pubblicitari, documentata con l'emissione di 12 fatture.
Soldi versati senza la deliberazione dell'organo sociale competente e senza l'iscrizione del finanziamento nel bilancio della società stessa. Di qui, secondo i giudici, la violazione della legge sul finanziamento ai partiti.

Di diverso avviso però la Procura di Roma, che al Tribunale dei ministri ha chiesto l'archiviazione, perchè secondo il pm «la forma scelta per sostenere la forza politica in questione appare - alla fin fine - legittima, indiretta e priva di rilevanza penale».

La vicenda si intreccia con la questione della commercializzazione del latte fresco blu prodotto dalla Parmalat, immesso sul mercato italiano nel secondo semestre del 2001 e poi bloccato dal Tribunale di Bologna il 22 aprile del 2002, perchè secondo l'autorità giudiziaria non poteva essere venduto come latte fresco un prodotto con scadenza di 8 giorni.
In pendenza di tale giudizio, il 13 marzo sempre del 2002 Alemanno e il ministro della Salute Girolamo Sirchia istituirono una commissione per l'analisi del latte fresco blu, che il successivo 17 maggio si espresse favorevolmente alla durata del latte in questione. Così i due ministri un mese dopo, il 17 giugno, emanarono un provvedimento che riconosceva il trattamento della microfiltrazione del latte fresco blu. Decisione poi rivista quando con un decreto legge del giugno 2004 fu vietata alla Parmalat e a Eurolat la commercializzazione di questo prodotto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini