Giovedì 13 Dicembre 2018 | 00:28

GDM.TV

Calcio / Serie A - La situazione dopo il calciomercato delle feste natalizie

Riprende il campionato di calcio di serie A, con la Juventus in testa alla classifica a 46 punti, l'Inter seconda a quota 39, e a seguire Milan a 37, Fiorentina a 36 e così via. Il Lecce è penultimo con 12 punti a pari demerito con il Cagliari.

I bianconeri saranno di scena a Palermo, campo-trappola, considerate le esigenze di Del Neri (che nelle ultime otto partite ha vinto solo una volta) e le polemiche di Zamparini nei confronti del club campione a proposito dei diritti televisivi. Sotto l'albero natalizio sono maturati affari d'oro per la Juve che ha fatto il pieno di milioni di tele-euro e per la stessa Roma che si è disfatta dell'imbarazzante peso di Cassano.
Ma si profilano altri grattacapi: Toldo vuole andarsene (in Inghilterra?) per giocare con continuità, come lo stesso Vieri, le cui azioni sembrano decisamente in ribasso. Ancelotti gli ha dato disco verde: vada ad arricchire qualche altro. In vacanza ha giocato a Miami con Lapo, meglio della panchina rossonera.
Ma torniamo a parlare di campionato e della trasferta della Juve a Palermo. I bianconeri l'anno scorso hanno perso alla Favorita (gol di Brienza) e, considerata la lunga assenza dei siciliani dalla A, non vincono sul campo palermitano dal 10 dicembre 1972 (1-0, gol di Altafini). A proposito dei rosanero: chi ha fatto l'affare nello scambio Lupatelli-Guardalben? Il palermitano dovrebbe esordire contro la Juve, il parmigiano contro il Milan. Intanto la Juve ha grossi problemi in difesa (ancora assente Buffon, squalificato Zambrotta e a centrocampo non ci sarà Nedved). Gli inseguitori aspettano la sorpresa.
Anche dall'altro anticipo ci si attende un responso importante: la Fiorentina potrà restare agganciata al carro dei primi? Toni tornerà a segnare dopo la lunga quarantena? Attenzione perché la Reggina ha fatto in casa ben 15 dei 18 punti totalizzati; ma oltre a Mazzarri in panchina, le mancherà Tedesco e Cozza non sarà al meglio. I viola sprizzano salute da tutti i pori. Per le milanesi, che hanno terminato in bellezza il 2005, partite indicative, alla luce dell'anticipo dei campioni d'inverno.
L'Inter ha promesso fuoco e fiamme, Mancini (-8) è convinto che la Juve - in grado di tagliare il traguardo dei 100 punti, mantenendo l'attuale andatura - è ancora raggiungibile: i nerazzurri dovranno intanto vincere a Siena, dove hanno la difesa più debole (30 gol incassati) del campionato. Adriano sta bene, dopo la botta alla testa. Al Milan (-9) toccherà il Parma, apparso in leggera ripresa prima della sosta. I rossoneri hanno sempre segnato (39 gol, un quasi-record), hanno fatto nove reti nelle ultime tre gare, ma la difesa (Cafu e Maldini fuori) ha bisogno di essere registrata. Kakà è fresco sposo, Ambrosini e Seedorf sono in corsa per un posto. Il Parma, privo di Morfeo e di tanti titolari, cercherà in Guardalben il novello Frey. Il Livorno è stato ridimensionato dal Milan. Per gli amaranto (con Palladino) non sarà facile sul campo di una Sampdoria che tuttavia ha concluso male il 2005 (due punti in tre partite) e ha per giunta perso Bonazzoli. Andando a curiosare nelle retrovie, c'è da dire che l'Ascoli a Roma contro la Lazio (18 punti su 24 più quello del derby all'Olimpico) e il Parma a San Siro contro il Milan sembrano vittime sacrificali. E tuttavia i biancocelesti saranno senza Dabo, Behrami e Cesar. Difficile sarà pure per Treviso, Lecce, Cagliari e Messina.
Anno nuovo, vita nuova, si dice, specie con i nuovi acquisti. Ma per i veneti (forse con Borriello, ma senza Dossena) contro la Roma; per i salentini privi di Vucinic sul campo del Chievo; per i sardi (Chimenti in porta, Esposito assente) contro l'Udinese e per i siciliani (tornerà Parisi, ma è squalificato Cristante) ad Empoli non sarà una passeggiata. I giallorossi (De Rossi, Kuffour, Mancini, Montella; quante assenze!) cercheranno di agganciare le posizioni di prestigio dietro le "grandi"; il Chievo (D'Anna sospeso) è pur sempre una delle squadre più vivaci del momento, i friulani (privi di Muntari) vorranno dimenticare il brutto fine d'anno; l'Empoli (Bonetto ko) si è dimostrato capace di belle imprese.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive