Giovedì 13 Dicembre 2018 | 10:45

GDM.TV

Massacro del Circeo: è morta Donatella Colasanti

ROMA - Donatella Colasanti, la vittima sopravvissuta del massacro del Circeo, è morta per malattia il 30 dicembre scorso in un ospedale romano. La notizia del decesso è stata confermata oggi dal padre della donna, Mario Colasanti.
Nonostante la malattia, la donna non aveva mai smesso da 30 anni di chiedere giustizia nei confronti dei suoi tre aguzzini: Gianni Guido, Angelo Izzo e Andrea Ghira, che il 29 settembre del 1975 avevano invitato e poi sottoposto a violenze e sevizie di ogni tipo per una notte intera in una villetta al Circeo, lei e Maria Rosaria Lopez, che fu uccisa.
Donatella Colasanti si finse morta e fu trovata, in fin di vita, il giorno dopo, nel bagagliaio di una Fiat 127, in via Pola a Roma.

«Non ci credo: Andrea Ghira è vivo e sta a Roma, quelli sepolti a Melilla sono i resti di un suo parente, per questo il Dna è lo stesso». Nonostante l'evidenza della scienza, che assicurava che i resti del legionario Massimo Testa De Andres appartenevano ad Andrea Ghira, Donatella Colasanti si sfogava, il 26 novembre scorso, per l'ultima volta, con la stampa.
«Il risarcimento - spiegava la donna - non c'entra, è una vicenda che risale al 1996. Non hanno pagato nulla e pagheranno tutto adesso, ma quello che voglio è la verità».
E la verità e la sete di giustizia erano diventate l'ossessione della donna che quando nell'aprile scorso fu arrestato di nuovo Angelo Izzo per l'omicidio di 2 donne a Campobasso, chiese per lui la pena di morte. Mentre per l'altro suo torturatore, Andrea Ghira, non aveva mai smesso di sostenere con esposti alla giustizia e appelli alla stampa che fosse vivo e tornasse spesso a Roma.
Con la morte di Donatella Colasanti, scompare un altro protagonista di uno dei fatti di cronaca nera più raccapriccianti degli ultimi 30 anni. Accertata la morte di Ghira nel '94, gli unici sopravvissuti restano Angelo Izzo e Gianni Guido, entrambi in carcere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»