Lunedì 10 Dicembre 2018 | 23:13

GDM.TV

i più visti della sezione

Scajola in due interviste: le imprese facciano scorte e dobbiamo ripartire con il nucleare

ROMA - L'Italia non rischia nessuna emergenza energetica, ma il governo ha obbligato le imprese importatrici di gas ad aumentare al massimo gli acquisti per ripristinare le scorte.
«In Italia - spiega il ministro dell'Industria, Claudio Scajola, in due interviste - non ci sarà nessuna emergenza energetica dalla stretta russa nei confronti dell'Ucraina».
Scajola rivela poi di aver telefonato ieri sera al ministro dell'Energia russo, Viktor Khristenko. «Dalle sue parole - assicura - ho colto una grande rassicurazione sulla vicenda ucraina che è e resta essenzialmente commerciale e non è destinata a ledere i diritti contrattuali con i paesi europei».

In un'altra intervista il ministro delle Attività produttive spiega che «Non possiamo più nasconderci dietro un dito. Ci vogliono degassificatori, ci vuole il carbone pulito, ma dobbiamo assolutamente ripartire con il nucleare».

«Non stiamo con le mani in mano - dice Scajola - ad aspettare che il gas non ci arrivi più. La prima mossa è stata raccomandare a tutti gli importatori di gas, non solo all'Eni, di acquisire il massimo consentito. E il 31 dicembre, insieme ai ministri tedesco e francese, abbiamo spedito una lettera a Mosca e a Kiev per richiamare l'attenzione sul fatto che una loro diatriba non può mettere a repentaglio i nostri approvvigionamenti. Il rispetto delle forniture va al di là delle vicende che stanno affrontando».

«Al di là dell'allarme in corso il problema per noi in Italia è un altro e questa emergenza lo sottolinea ancora una volta. Non basta solo spaventarsi in casi come questi di rischio black out, quando nel pieno di un gelido inverno temiamo di restare a secco. La parola d'ordine è un'altra e comporta tutta una nuova strategia coerente di fronte al fabbisogno energetico. Abbiamo bisogno di un mix diversificato di energia. Senza un piano completo di rientro del nucleare non possiamo pensare di metterci al riparo dalle emergenze energetiche», conclude il ministro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca