Martedì 11 Dicembre 2018 | 07:50

GDM.TV

i più visti della sezione

Le reazioni: Legambiente, aumentare i controlli; Cia attivare agenzia sicurezza alimentare

controlli dei CC su alimentariROMA - «E' un business milionario in aumento quello delle truffe alimentari, così come cresce la paura dei consumatori. Per questo non va abbassata la guardia sui controlli che fino ad oggi hanno portato brillanti risultati». E' quanto afferma il direttore generale di Legambiente Francesco Ferrante, commentando il maxi sequestro di partite di grano contaminato da ocratossina in Puglia ed Emilia Romagna.
Sull'entità delle truffe in campo alimentare Legambiente ricorda che «il valore delle merci sequestrate dal nucleo antisofisticazione dei Carabinieri (Nas) è stato pari a 101.655.295 euro attraverso 37.969 ispezioni effettuate nel corso del 2004 solo nel settore alimentare, il 21% in più del 2003 (quando era pari a 83.500.738 euro). Nell'ultimo anno sono state 4.474 le infrazioni penali accertate e ben 20.856 quelle amministrative contestate, 925 le strutture chiuse per motivi di salute pubblica e 360 quelle sequestrate».
Ma a destare preoccupazione, secondo Ferrante, è l'ansia crescente degli italiani. Un'indagine realizzata per il Movimento Difesa del Cittadino dall'Ires, rileva come oggi ben l'87% dei consumatori considera il sistema di produzione «molto rischioso» e il 76% si definisce «ansioso» nell'assumere cibi. «Il dato evidenzia una scarsa fiducia del consumatore nei confronti del sistema di produzione e distribuzione di cibi e bevande conclude il direttore generale di Legambiente Per questo non va assolutamente abbassata la guardia. Al contrario, i controlli delle nostre forze dell'ordine vanno intensificati perché solo un buon lavoro come quello fatto oggi dai Nas riporta la fiducia in tavola».

CIA, ATTIVARE AGENZIA SICUREZZA
«Sono indispensabili controlli severi sui prodotti alimentari ma per rafforzare la tutela dei consumatori è fondamentale che si dia al più presto il via all'Agenzia nazionale per la sicurezza alimentare, senza troppi lacci e impedimenti burocratici, in grado di intervenire ed operare in modo snello e tempestivo». E' quanto sottolinea la Cia-Confederazione italiana agricoltori in merito al sequestro di 58 mila tonnellate di grano contaminato dalla sostanza nociva e cancerogena ocratossina.
«Di fronte ai crescenti casi di sofisticazione alimentare l'Agenzia nazionale - sostiene la Cia - deve costituire un chiaro punto di riferimento e l'interfaccia con l'Authority europea di Parma in tema di informazioni, studi, ricerche, proprio per gestire in maniera valida situazioni di rischio e i sistemi di rapido allarme sotto il profilo agro-alimentarei». La confederazione evidenzia infine l'esigenza di una «reale trasparenza» delle produzioni alimentari che si può ottenere attraverso una «chiara etichettatura».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca