Sabato 15 Dicembre 2018 | 05:45

GDM.TV

Montezemolo: inaccettabile intreccio tra affari e politica. Bisogna ricostruire il Paese

ROMA - Dopo vent'anni di non scelte l'Italia va ricostruita come in un dopoguerra. E' il monito che il presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo, lancia a maggioranza e opposizione dal palco del seminario sulle politiche per il rilancio della strategia di Lisbona. Un monito che è anche e soprattutto un grido di allarme lla luce della situazione «deprimente» in cui versa il Paese, dove alla perdita di competitività si aggiunge l'inaccettabile intreccio tra politica e affari. E ora chi si candida a governare deve dare «risposte precise» sulle principali e cruciali questioni necessarie per intraprendere un nuovo percorso di sviluppo.
«Questo è un Paese che va ricostruito non perchè distrutto da una guerra, ma per venti anni di non scelte, venti anni di omissioni forti per la modernizzazione del Paese», ha detto Montezemolo che non ha nascosto la propria preoccupazioni per i prossimi sei mesi che si preannunciano all'insegna di un «vuoto decisionalè.
Risposte chiare e nette, fuori dagli slogan elettorali, vengono ora reclamati dagli industriali, «pronti - ha assicurato Montezemolo - a fare la loro parte, ad assumersi le proprie responsabilità sia come classe dirigenti sia ccome cittadini ai quali sta a cuore il futuro del Paese».

INACCETTABILE L'INTRECCIO TRA AFFARI E POLITICA
«Mai come in quest'ultimo anno abbiamo assistito all'accrescersi dell'intreccio tra politica e affari portando a livelli inaccettabili l'etica in un paese come il nostro».
Luca Cordero di Montezemolo commenta così, pur non menzionadoli direttamente, gli ultimi sviluppi della vicenda Antoveneta. Una vicenda che chiama in ballo di nuovo anche la credibilità di Bankitalia, ieri al centro della procedura di infrazione da parte della Commissione europea. «Abbiamo assistito alla perdita di credibilità di una delle istituzioni più rispettabile e prestigiosa del nostro paese», dice introducendo il seminario sulle politiche eropee per il rilancio della strategia di Lisbona. Una perdita di credibilità «sia come voce interna che come voce internazionale». «Ha perso la credibilità internazionale- insiste - nelle stanze della finanza e delle strategie internazionali».
Il leader degli industriali è tornato, quindi, ancora una volta sulla necessità di trasferire all'Antitrust le competenze di Bankitalia in materia di vigilanza sulla concorrenza bancaria. «Occorre - dice Montezemolo- dare più forza e potere all'Antitrust a cominciare dalla divisione fra concorrenza e vigilanza. Bisogna dunque attribuirgli i poteri di vigilare sulla concorrenza bancaria».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori