Domenica 17 Gennaio 2021 | 20:53

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaIl caso
Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

Foggia, sassi contro auto della polizia locale durante controlli anti Covid

 
LecceL'incidente
Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

Taurisano, moto si schianta contro un muro: morto 35enne

 
BariL'appello
Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

Valenzano, bimbo affetto da SMA, scatta gara di solidarietà sui social: «Aiutiamo il piccolo Paolo»

 
PotenzaIl personaggio
Il vaccino italiano di «ReiThera»: tra i ricercatori c’è una lucana

Il vaccino italiano di «ReiThera»: tra i ricercatori c’è una lucana

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

A Bari una riflessione comune tra cristianesimo, ebraismo e islam su Dio, La violenza e la concezione della donna

BARI - L'immagine di Dio e la violenza, la condizione della donna e le esperienze di liberazione sono i tre temi al centro della seconda giornata del forum «Il cammino di liberazione delle fedi del Mediterraneo», organizzato da Pax Christi, Regione Puglia, Provincia e Comune di Bari. Il forum ha l'obiettivo di «congiungere le forze di cristianesimo, ebraismo e islam attraverso una riflessione comune».
«Questo forum - ha sottolineato Godelli - ha un valore politico, nel senso che si rivolge alla polis, alla comunità. Non c'è un divario tra il tema della teologia, e men che meno della teologia della liberazione, e il governo e lo sviluppo della polis». « E' un dialogo - ha aggiunto - tra esponenti e studiosi della teologia della liberazione: un percorso che utilizza la fede non per dividere ma per unire e per ricercare gli elementi comuni pur nel rispetto delle differenze. L'elemento fondamentale è guardare in avanti al rispetto della natura umana, alla possibilità di coniugare quello che c'è di culturale, di religioso non nel senso di irrigidimento di confini, ma di contaminazione e dinamiche infinite».

«Le religioni - ha insistito Godelli - sono utilizzate per radicalizzare posizioni che in realtà sono politiche o sono legate a ottiche di potere, a confini nazionali, a delimitazioni di sesso e di appartenenza. Il concetto di identità è la cristallizzazione di questo percorso. Penso che le appartenenze che sono le radici emozionali di ciascun soggetto non abbiano il carattere dell'esclusività e che la fede è fede nella dimensione umana e nella sua proiezione nella divinità e non è fede in valori circoscritti e contrapposti». A proposito della condizione della donna, uno dei temi dibattuti, Godelli ha detto che «la posizione femminile è quella in cui è più evidente l'elemento della fecondità, della produttività. La condizione femminile è fatta oggetto di esclusione o di attacco fisico alla sopravvivenza: spesso avviene in nome della religione o di Dio, come se Dio alla radice delle religioni monoteiste del Mediterraneo non avesse dato alla donna il dono di valorizzare la vita».

«Il dialogo è liberatore - ha detto il teologo islamico algerino-tunisino Adnane Mokrani, del Pontificio istituto di studi arabi e d'islamistica e centro interconfessionale per la pace - e già dialogando ci si libera dal pregiudizio e dalle immagini errate. Le religioni sono linguaggi, sistemi di simboli che ci aiutano a capire il senso della vita». Per Mokrani «la violenza, che parte da un'idea di ineguaglianza è tale solo per le vittime, mentre gli aggressori si servono di un satanico gioco di parole: la chiamano civilizzazione, oppure processo di democratizzazione. E la non violenza non è debole accettazione, ma scelta coraggiosa».
Il biblista Giuseppe Barbaglio ha parlato dell'ambiguità della figura di Dio nella Bibbia. «Tutto dipende da chi la legge - ha detto - dalla soggettività di chi viene a contatto con le immagini contrastanti che contiene. Il nostro compito è toglierla dalle mani dei lettori violenti e metterla in quelle di lettori non violenti: l'obiettivo è il riscatto della Bibbia».
Per il rabbino Jeremy Milgrom, presidente di Rabbis for human rights di Gerusalemme, «la Bibbia è una tragedia: il progetto di armonia viene distrutto ed è proprio Dio la vittima di questa tragedia».
«L'uomo - ha proseguito - è guidato da passione e violenza. Bisogna controllare questa passione che è energia creatrice con la com-passione di Dio, il riconoscimento dell'altro. Così anche la violenza scompare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400