Lunedì 18 Gennaio 2021 | 11:15

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

PotenzaDemografia
Cresce la «città fantasma»: in Basilicata 1 casa su 3 è vuota

Cresce la «città fantasma»: in Basilicata 1 casa su 3 è vuota

 
BariIl caso
Bari, trova a terra portafoglio con 500 euro e lo consegna alla polizia: restituito

Bari, trova a terra portafoglio con 500 euro e lo consegna alla polizia: restituito

 
FoggiaLieto evento
Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

Dal Canada a Foggia per far nascere tre gemellini: parto record al Policlinico Riuniti

 
TarantoI numeri
Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

Covid, a Taranto 5mila casi in un mese: l'escalation è impressionante

 
Brindisia S. Michele Salentino
Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

Nonna Maria festeggia 106 anni: è la più longeva della provincia di Brindisi

 
MateraL'annuncio
Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

Asm di Matera: dal 18 gennaio riapre il Cup di via Matteotti

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Pisanu: bisogna concordare le regolarizzazioni degli immigrati

BRUXELLES - Per il ministro degli interni, Giuseppe Pisanu, le regolarizzazioni e le sanatorie degli immigrati illegali vanno evitate il più possibile nell'Ue, ed in ogni caso la stessa politica delle regolarizzazioni va concordata a livello Ue per evitarne le ricadute negative.
«Penso che (la politica di regolarizzazione n.d.r.) si debba concordare» ha osservato Pisanu in una conferenza stampa a margine del Consiglio dei ministri degli interni e della giustizia dell'Ue in corso a Bruxelles, dicendosi però convinto che «non ci saranno sanatorie», dal momento che l'orientamento sostenuto dall'Italia è condiviso anche da altri paesi.
«Credo che questo segnale non arriverà - ha detto Pisanu - perchè la maggior parte dei paesi Ue è convinta che bisogna porre fine alle regolarizzazioni massicce per incoraggiare l' immigrazione regolare e scoraggiare in ogni possibile modo quella clandestina, che è portatrice di disagi e di tragedie a danno innanzitutto dei migrati e dei paesi che ricevono i clandestini».
In merito all'esistenza di progetti normativi per regolamentare le sanatorie a livello europeo, Pisanu ha osservato che attualmente non c'è nessuna proposta sul tavolo: «al momento siamo alla proposta emersa dal vertice di Hampton Court, al documento emerso oggi in seno al Consiglio e alle considerazioni della Commissione europea».
Tuttavia, secondo il ministro finalmente l'Ue è sulla buona strada per abbattere «il muro di divisione» in base la quale le politiche migratorie illegali sono anche di competenza Ue, mentre le politiche relative all'immigrazione clandestina sono strettamente di competenza degli Stati membri.
«Trovare un accordo - ha detto Pisanu - non sarà però facile, perchè ogni paese ha le sue forme di immigrazione che variano per etnie, quantità e provenienza. Vedo però che, anche se faticosamente, si comincia ad avanzare su questo cammino».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400