Martedì 18 Dicembre 2018 | 20:00

GDM.TV

i più visti della sezione

In 300mila scendono in piazza per l'Istruzione italiana

ROMA - Circa 300mila studenti medi e universitari sono scesi oggi in piazza in decine di località italiane nell'ambito della Giornata di mobilitazione studentesca mondiale. A stimare la partecipazione è l'Unione degli Universitari (Udu) che ha promosso l'iniziativa nel nostro Paese assieme a Unione degli studenti (Uds) e Mutua studentesca. Oltre 90, secondo l'Uds, le città coinvolte. Obiettivo della mobilitazione - ricorda l'Uds in una nota - «rivendicare la centralità del sapere e della cultura come chiave per l'emancipazione delle persone dalla precarietà. Gli studenti chiedono diritti e partecipazione all'interno dei luoghi pubblici del sapere, in cui vivono e vogliono crescere come cittadini a pieno titolo». Per questo tra le rivendicazioni c'è una carta di cittadinanza studentesca, per l'accesso al sapere e alla cultura. «Come abbiamo fatto attraverso una piattaforma di dieci punti presentata a deputati e senatori dell'Unione, chiediamo - ribadisce l'Uds - il rilancio della scuola a partire dalla costituzione di un biennio unitario, dall'innalzamento dell'obbligo a 18 anni, dall'introduzione di uno Statuto degli Studenti in stage, dalla valorizzazione della partecipazione a tutti i livelli, dal rilancio dell'autonomia, dal diritto allo studio e da un piano per l'edilizia scolastica».
Secondo l'Uds, che prende le distanze da «ogni forma irrispettosa di manifestazione», hanno sfilato 20.000 studenti a Roma, 15.000 a Milano, 10.000 a Torino, 30.000 a Napoli, 15.000 a Palermo, 1.500 a Catanzaro, 2.000 a Bari, 6.000 a Lecce, 5.000 a Salerno, 6.000 a Siracusa, 5.000 a Genova, 3.000 a Vicenza, 3.000 a Sassari, 2.000 a Firenze.
La mobilitazione di oggi - sottolinea in una nota l'Unione degli Universitari «non è un appuntamento qualunque o legato semplicemente agli ultimi disastrosi provvedimenti del governo, ma una mobilitazione per i diritti e l'autonomia sociale degli studenti, per riaffermare che la cultura e il sapere sono gli strumenti di libertà e di emancipazione degli individui in Italia, in Europa e nel mondo». Una giornata di mobilitazione che continuerà fino a notte inoltrata con numerosi concerti e iniziative culturali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Raf e Umberto Tozzi si raccontano: segui la diretta

Raf e Umberto Tozzi, la strana coppia si racconta alla Gazzetta Rivedi la diretta

 
"Grazie per quello che fate e che avete fatto"Gli auguri di Rosso  capo di stato Maggiore

"Grazie per quello che fate e che avete fatto"
Gli auguri di Rosso capo di stato Maggiore

 
Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese per me è un orgoglio»

Frecce tricolori, parla il nuovo comandante Farina: «Essere pugliese? Un orgoglio»

 
Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

 
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo