Lunedì 17 Dicembre 2018 | 11:48

GDM.TV

Difesa Giorni, uccise in preda a raptus e non ci fu violenza sessuale

PERUGIA - Giorgio Giorni uccise la piccola Maria Geusa in una sorta di raptus, scaricando su di lei il rancore accumulato nei confronti della madre, Tiziana Deserto: è la tesi sostenuta dai difensori dell'imprenditore edile di Sansepolcro, Giancarlo Viti e Vittorio Betti, nella loro arringa davanti al gup di Perugia.
I legali hanno chiesto per il loro assistito la derubricazione dell'accusa di omicidio volontario in preterintenzionale e l'assoluzione con la formula «perchè il fatto non sussiste» dall'accusa di violenza sessuale. In subordine hanno sollecitato attenuanti che gli possano consentire di proseguire nel processo di recupero.
L'avvocato Viti ha tra l'altro detto che l'atteggiamento di Giorni nei confronti della bambina è spiegato nelle perizie psichiatriche alle quali è stato sottoposto. Secondo il legale l'omicidio venne provocato da una situazione di discontrollo e transfer. In particolare l'imprenditore avrebbe scaricato su Maria il rancore accumulato nei confronti della madre. Il 5 aprile 2004 Giorni avrebbe poi accumulato ulteriore stress legato - ha sostenuto ancora l'avvocato Viti - al fatto che la Deserto quella mattina gli aveva affidato la figlia. Circostanza negata però dalla donna, secondo la quale sarebbe invece avvenuto il contrario: era stato lui ad andare a prendere la piccola. Nell'imputato si sarebbe quindi sviluppata una reazione - ha spiegato il legale - «non in linea con la personalità di Giorni». L'imprenditore ha inoltre sempre negato l'accusa di aver violentato la bambina.
Dopo le repliche delle parti, ora in corso, il gup Claudia Matteini entrerà in camera di consiglio. La sentenza è attesa in serata.
Per Giorni i pm Giuseppe Petrazzini e Andrea Claudiani hanno chiesto la condanna all'ergastolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo

 
Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini