Martedì 11 Dicembre 2018 | 10:09

GDM.TV

i più visti della sezione

L'investigatore: «La madre non poteva veder entrare l'assassino, era lontana»

TORINO - «L' assassino è entrato e uscito dalla porta principale della casa, Anna Maria Franzoni non poteva vederlo». Lo ha ribadito questa mattina, entrando nel Palazzo di Giustizia a Torino, Giuseppe Gelsomino, l' investigatore privato milanese a cui il pool difensivo di Anna Maria Franzoni si è rivolto per svolgere alcune perizie e che è stato indagato per calunnia nell' ambito dell' inchiesta Cogne-bis.
«Secondo i test che abbiamo fatto recentemente a Cogne - ha affermato - l' assassino si è nascosto in un canalone vicino alla casa e poi quando Anna Maria è uscita per andare alla fermata dello scuolabus lui è entrato. La mamma di Samuele - ha aggiunto - non poteva vederlo, visto la posizione in cui si trovava».
Gelsomino si è presentato, insieme all'avvocato Paolo De Vivo, al Palagiustizia di Torino per assistere «come semplice cittadino» al processo d'appello ad Anna Maria Franzoni.
«E' ovvio - ha spiegato - che sono particolarmente interessato a quello che accadrà. Spero che i nuovi accertamenti che abbiamo fatto possano entrare in questo dibattimento. Sono disposto ad essere interrogato dall' avvocato Carlo Taormina. Anna Maria non è l' assassina».
Gelsomino ha poi ribadito la validità del suo lavoro all' interno del pool difensivo di Anna Maria Franzoni ricordando di avere chiesto «alla procura di lavorare insieme per valutare i 69 elementi acquisiti nelle mie indagini». «Invece - ha commentato - mi è arrivato l' avviso di garanzia». «Erano necessarie indagini, tipo intercettazioni telefoniche, che io come investigatore non potevo fare. Non abbiamo frodato nessuna prova, se ne avessimo avuto l'intenzione lo avremmo fatto bene. Siamo persone serie, non è nostro costume falsificare prove».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca