Sabato 15 Dicembre 2018 | 22:08

GDM.TV

Iran - Il ministro degli Esteri, Fini, a Gerusalemme

Il dossier Iran sul nucleare non è un problema solo di Israele, ma riguarda l'intera comunità internazionale: ecco perché «auspico che il prossimo Consiglio dei governatori dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) deferisca» l'intera questione «al Consiglio di sicurezza dell'Onu».
Al termine della sua visita a Gerusalemme, il ministro degli Esteri Gianfranco Fini ribadisce la convinzione che «per raggiungere una pace duratura in Medio Oriente bisogna garantire la sicurezza dello Stato di Israele». Dopo aver incontrato il premier Ariel Sharon e il collega israeliano Sylvan Shalom, il titolare della Farnesina insiste sulla necessità che la comunità internazionale dia «una risposta forte e unitaria alle gravissime e inaccettabili minacce iraniane».

Due i problemi sul tavolo della diplomazia internazionale: il programma nucleare iraniano, rilanciato dal nuovo presidente del Paese islamico Mahmud Ahamadinejad e che potrebbe portare Teheran a dotarsi di armamenti nucleari, e le minacce dello stesso presidente contro l'esistenza stessa dello Stato di Israele.

«Il Signor Fini è un amico di Israele, che esprime l'amicizia speciale e i legami speciali che esistono fra l'Italia guidata dal primo ministro Silvio Berlusconi e Israele» ha affermato Sharon accogliendo Fini, secondo una nota diffusa dall'ufficio del premier. Il capo del governo israeliano si è inoltre rallegrato, stando alla nota, di ricevere presto in Israele anche Berlusconi, in occasione delle cerimonie per il decimo anniversario della morte di Yitzhak Rabin, l'allora primo ministro assassinato a Tel Aviv il 4 novembre 1995. La presenza del presidente del consiglio italiano è annunciata, insieme a quella di altri leader internazionali, all'inaugurazione del Centro Rabin, prevista per il 14 novembre.

Il presidente della Margherita, Francesco Rutelli, concorda con il Ministro degli Esteri, Gianfranco Fini, sul fatto che l'agenzia atomica Aiea sottoponga al Consiglio di Sicurezza dell'Onu il dossier sull'Iran, e aggiunge: «Oltre che all'Agenzia, tocca al Consiglio, in sede politica, di intervenire, e questa richiesta credo sia giusta. Nessun Paese può essere minacciato di cancellazione e quando ciò avviene dobbiamo intervenire». Rutelli ha poi aggiunto che «non vi è dubbio che Israele abbia dei doveri nei confronti dei palestinesi», ma che questo aspetto, ha rilevato, non può consentire a nessuno di mettere in pericolo la sua sovranità.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini