Giovedì 24 Gennaio 2019 | 07:12

i più visti della sezione

Riforma Moratti e scontri studenti-Polizia: bagarre tra politici

ROMA - Cinquantamila, centomila, centocinquantamila.... Al di là del consueto balletto delle cifre erano tanti gli studenti scesi oggi in piazza per contestare il disegno di legge sullo stato giuridico dei docenti universitari. E parecchi, confusi tra loro, anche i ricercatori e i docenti che si sono associati alla protesta. Bersaglio delle critiche un provvedimento che «strangola gli atenei italiani dal punto di vista finanziario» e « non tiene conto delle richieste arrivate da tutte le componenti del mondo accademico, dagli studenti ai rettori». Ma nonostante la forte opposizione che lo ha accompagnato sin dall'inizio, il contestatissimo ddl, dopo l'ok incassato al Senato, oggi è approdato in aula alla Camera. Bocciate le due pregiudiziali di costituzionalità presentate dall'opposizione (una sull'autonomia degli atenei, l'altra sulla copertura finanziaria) e respinta pure la richiesta di tempi aggiuntivi per la discussione il dibattito è andato avanti. Presenti in aula il premier Berlusconi e il ministro Moratti che ancora una volta ha ribadito di non essersi mai sottratta al confronto respingendo le critiche avanzate dall'Unione all'introduzione dell'idoneità nazionale per i docenti.
Ma oggi il merito del provvedimento è rimasto sullo sfondo. La politica ha lasciato il passo ai politici, protagonisti della scena, in aula e sulla piazza.
Hanno cominciato i parlamentari di An che si sono schierati davanti all'ingresso di palazzo Montecitorio quasi a sfidare i ragazzi accalcati dietro le transenne. A loro la signora Daniela Santanchè ha rivolto anche un irrituale saluto prendendo in prestito dal mondo anglosassone l'esplicito gesto del dito medio alzato. In pochi, per fortuna, se ne sono accorti. E Ignazio La Russa, anche lui in modo poco signorile, ha invitato i manifestanti a farsi avanti.. Anche vecchie leve del partito come Gustavo Selva sono finite sotto i riflettori. Il presidente della commissione Esteri ha ingaggiato un vero e proprio braccio di ferro verbale con alcuni manifestanti in sit in una via limitrofa a piazza Montecitorio: voleva passare per forza di lì nonostante l'invito dei ragazzi a scegliere un percorso alternativo e neppure l'offerta da parte dei ragazzi di un gigantesco cono gelato ha ammorbidito la sua resistenza. Ma i parlamentari sono stati protagonisti anche in aula dove lo scontro tra maggioranza e opposizione sui contenuti della riforma (pregiudiziali di costituzionalità, richiesta di sospensione dell'esame del testo) hanno lasciato presto il passo ad arroventate polemiche sulla gestione della piazza e finanche sull'acqua fatta distribuire dal vicepresidente della Camera Mussi (Ds) in piazza («non siamo nel deserto, ci sono le fontane» ha fatto notare La Russa).
Ancora protagonisti in piazza i parlamentari dell'opposizione che cogliendo nell'aria voglia di scontri («e non certo da parte dei ragazzi» hanno osservato) hanno deciso di far loro da scudo schierandosi lungo le transenne per scongiurare attacchi da parte delle forze dell'ordine. In piazza Montecitorio non ce ne sono stati, ma alla fine la temuta carica è arrivata tra via del Corso e piazza Colonna. Intemperanze anche da parte degli studenti che hanno lanciato acqua addosso a una cronista di Sky Tg 24 colpevole, a loro dire, di una errata ricostruzione dei fatti.
Intanto, la seduta dell'aula della Camera continua. C'è stata una breve sospensione per consentire al ministro Moratti di esaminare gli ordini del giorno presentati e il presidente Casini ha espresso l'auspicio di ultimare entro stasera l'esame lasciando a domani mattina le dichiarazioni di voto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Scontro tra tifosi all'imbarco dei traghetti di Messina: 5 ultrà arrestati

Scontro tra tifosi all'imbarco dei traghetti di Messina: 5 ultrà baresi arrestati

 
di maio gazzetta

di maio gazzetta

 
Creava finte società per non dichiarare al fisco: evasione da 30mln di euro a Cerignola

Creava finte società per non dichiarare al fisco: evasione da 30mln di euro a Cerignola

 
Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
Picci, la bambina afghana in pericolo di vitae il grande cuore dei militari italiani

Picci, la bambina afghana in pericolo di vita
e il grande cuore dei militari italiani

 
Bari, la festa della Polizia locale nella Basilica di San Nicola

Bari, la festa della Polizia locale nella Basilica di San Nicola

 
Taranto, organizzavano rapine in posta e gioiellerie: arrestata banda

Taranto, rapinavano uffici postali e gioiellerie: fermati in due

 
Dopo 19 giornate si ferma la corazzata BariAbayan, Crucitti e Cataldi i protagonisti

Dopo 19 giornate si ferma la corazzata Bari
Abayan, Crucitti e Cataldi i protagonisti

 
La storia delle teste di cuoio italianeraccontata dal comandante Alfa dei Gis

La storia delle teste di cuoio italiane
raccontata dal comandante Alfa dei Gis

 
In un anno bonificati 50mila ordigni inesplosiArtificieri e palombari al servizio del Paese

In un anno bonificati 50mila ordigni inesplosi
Artificieri e palombari al servizio del Paese

 
Matera 2019, in 3000 sotto la pioggia per la serata inaugurale

Matera 2019, in 3000 sotto la pioggia per la serata inaugurale

 
Investimento in via Crisanzio

Investimento in via Crisanzio