Martedì 19 Gennaio 2021 | 15:00

Il Biancorosso

Biancorossi
Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

Bari, i numeri in grigio: Ternana avanti in tutto

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Tarantoa manduria
Tentata estorsione a un commerciante: due arresti nel Tarantino

Tentata estorsione a un commerciante: due arresti nel Tarantino

 
FoggiaL'incidente
Foggia, scontro fra auto e tir, coinvolta anche una macchina in sosta

Foggia, scontro fra auto e tir, coinvolta anche una macchina in sosta

 
BariIl processo
Bari, Punta Perotti: il danno può arrivare a 212 milioni

Bari, Punta Perotti: il danno può arrivare a 212 milioni

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 
PotenzaLa pandemia
Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

Basilicata, più vaccini agli anziani: la proposta è di partire dagli over 75

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

San Francesco - Mons. Carlo Caffarra: «Un popolo senza memoria non ha futuro»

ASSISI (PERUGIA) - «Un popolo senza memoria non ha futuro»: è uno dei passaggi dell' omelia che l' arcivescovo di Bologna, mons. Carlo Caffarra, ha pronunciato oggi ad Assisi durante la celebrazione eucaristica per la festa di San Francesco, alla quale partecipano anche Pier Ferdinando Casini e Romano Prodi.
«Ciò che tutti e ciascuno dovremmo evitare - ha detto - è di rinunciare a dare risposte sulla base di una male intesa tolleranza che porta a perdere la memoria di sè». «Che cosa oggi Francesco - si è chiesto - ha da dire a noi regione Emilia-Romagna?», la regione che quest' anno offre l' olio per la lampada votiva sulla tomba del santo.
«Egli ha fatto sì - ha risposto - che il mistero centrale della fede cristiana, l' incarnazione del Verbo diventasse una realtà vissuta nel e dal popolo nella sua vita quotidiana: fosse l' orizzonte ultimo entro cui collocare il proprio vivere. Quale è l' orizzonte ultimo entro cui vive il nostro popolo? Quale è il suo senso di orientamento? E' solamente l' orizzonte di un benessere materiale? Stiamo custodendo - ha continuato l' arcivescovo di Bologna - tutta la consistenza, tutta l' identità del nostro popolo che anche dal Francescanesimo ha attinto quei caratteri di ricca umanità di fattiva solidarietà e di indefessa laboriosità che lo hanno fatto grande nei secoli? Quale eredità, quali beni stiamo trasmettendo alle giovani generazioni? La risposta a queste domande - secondo mons. Caffarra - è affidata a ciascuno di noi secondo contenuti, responsabilità e competenze istituzionalmente propri».
L' arcivescovo ha incentrato la sua omelia sulla figura del santo ricordando la scelta di povertà di Francesco. «Questo - ha affermato, fra l' altro - è stato l' avvenimento centrale della vita di Francesco: l' essere stato afferrato da Cristo così profondamente da porre in Lui tutto il senso della sua esistenza».
«Carissimi fedeli - ha continuato mons. Caffarra - guardiamo a Francesco. Egli ci mostra che il valore della nostra vita dipende dal nostro rapporto con la persona di Cristo e che questo rapporto è oggi possibile perchè esiste la Chiesa apostolica ed eucaristica».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400