Lunedì 17 Dicembre 2018 | 18:06

GDM.TV

i più visti della sezione

Dall'Italia un messaggio di pace per arabo-israeliani

locandina cinema Private ROMA - Dalla cruda descrizione della violenta realtà del conflitto arabo-israeliano si sviluppa un messaggio di pace, di speranza in una coesistenza complessa ma possibile in una regione martoriata dove tutti sono, pur da posizioni diverse, vittime. Ed a testimoniarlo, davanti ai flash dei fotografi, a Locarno, i bravissimi attori, il palestinese Mohammad Bakri e l'israeliano Lior Miller, si sono dati la mano simboleggiando la volontà reciproca di convivere senza rinnegare le proprie origini e la propria storia. E' questo il film che l'Italia ha deciso di portare all'Oscar: «Private», di Saverio Costanzo, Pardo d'Oro al 57mo Festival di Locarno. Con ruvido stile documentaristico (e con ondeggiante macchina mano) Costanzo racconta la storia di un insegnante palestinese, Mohammad Bakri, assertore della resistenza non violenta. La sua casa, al confine con i territori occupati, viene espropriata e lui deve scegliere: o andarsene con la famiglia o rimanere a rischio della vita. Tenacemente l'uomo resta nella sua abitazione e a poco poco conquista la stima dei figli che avrebbero voluto fuggire o, peggio, reagire violentemente, ed addirittura del capitano israeliano, Miller, che a suo modo, dopo essere stato a un passo dall' ucciderlo, lo rispetta.
«Non ho alcun problema con Lior come uomo, attore, israeliano o collega, ma ho un problema con lui come occupante - ha detto in maniera gentile Bakri, 51 anni -. Il problema principale è l'occupazione che prosegue da 37 anni. In questo film io non ho recitato, ho vissuto una condizione personale. Ma Lior ha avuto un ruolo più difficile, perchè non è semplice interpretare il comandante di una pattuglia molto duro. E' più semplice fare la parte della vittima. Ho un'opinione positiva di Abu Mazen: la pace è possibile, ora la palla è nelle mani degli israeliani. Sono assolutamente contrario ai kamikaze, mi sento in colpa quando esplodono, ma so anche da dove nasce la violenza».
Lior Miller, l'apparentemente insensibile comandante Ofer che poi mostra un lato angosciato e contraddittorio di giovane che ha visto distrutti i suoi sogni, ha un carattere più schivo del collega arabo. «Non so cosa succederà nel nostro Paese - ha detto - ogni giorno è un giorno nuovo e io spero che la situazione migliori. Il film apre alla speranza che si capisca come non si può mai vincere con la violenza. Sono stato nell'esercito, conosco di persona la storia che abbiamo recitato e mi aspetto che in Israele mi critichino per il mio ruolo. Ma credo di aver tenuto un atteggiamento onesto».
«Ho voluto rendere visibile quello che non era visibile - ha detto Saverio Costanzo, 29 anni, una laurea in Scienza della Comunicazione, figlio del giornalista Maurizio - ho usato lunghi piani sequenza e ho scelto di non usare la magnificenza del cinema. Il rigore documentaristico è stata la forza dell'opera, così come il vissuto personale degli attori. Avevo paura di non trovare un attore israeliano, ma Lior, che è inseguito dai fan a Tel Aviv, ha accettato quando io già cercavo qualche giovane ancora a scuola di recitazione».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo

 
Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti