Lunedì 17 Dicembre 2018 | 20:51

GDM.TV

i più visti della sezione

Tra le novità «i questionari ficcanaso» contro l'evasione fiscale e chi non risponde rischia multe sino a 2mila euro

ROMA - Scatta la caccia all' evasore. E, come non è mai accaduto nel passato, il fisco chiederà aiuto ai cittadini. Manderà loro questionari che curioseranno sulle spese effettuate nelle occasioni che più facilmente si prestano a celare l' evasione fiscale. Le nuove norme porranno così le premesse affinchè entrino nel mirino, le spese del giorno di nozze, il costo per le ripetizioni degli studenti con pagelle insufficienti, l' affitto della stanza per gli universitari e anche le «parcelle» del carrozziere rimborsate dalle assicurazioni.
Per i cittadini, comunque, non si tratterà di delazione. I contribuenti - secondo le ipotesi allo studio - saranno obbligati a rispondere alle curiosità che verranno proposte in modo puntuale dai questionari. In caso contrario scatterebbe una multa salata che potrà arrivare, utilizzando le norme già esistenti, fino a 2.066 euro.
A ipotizzare una nuova strategia nella lotta all' evasione, disegnando un fisco a caccia di evasori con l' utilizzo massiccio di questionari postali, è la prossima legge finanziaria. Sarebbe questo il risvolto pratico della nuova tipologia dei controlli (chiamati «esplorativi") indicati tra le misure previste dalla lotta all' evasione contenuta nelle tabelle inviate ai vari partiti. E dalla lotta all' evasione il governo punta ad incassare 4,3 miliardi di euro.
Le vecchie tipologie di controllo non vanno certo in soffitta: rimangono i controlli sintetici, basati su parametri economici come gli studi di settore, le verifiche automatiche che utilizzano gli incroci informatici, e ovviamente gli accertamenti sostanziali che mirano a individuare concretamente l' evasione nascosta. Ma ora il fisco potrà chiedere informazioni anche in modo «esplorativo», cioè senza aver prima avviato un' indagine su un evasore. Sarà una sorta di screening postale.
L' idea non è nuova ed era finora prevista per le imposte indirette, come l' Iva. Ora sarà estesa anche alle imposte dirette, che si pagano sui redditi dichiarati. Ma fino ad ora questo tipo di controllo aveva inciampato in ricorsi alla magistratura tributaria. Ora invece si punta a rendere generalizzata la procedura che già alcuni uffici regionali della Guardia di Finanza avevano utilizzato, con l' invio di questionari a giovani coppie di sposi.
A Sondrio lo scorso aprile, la guardia di Finanza aveva inviato selezionato i giovani sposi facendo ricorso agli albi comunali. Aveva quindi loro inviato un questionario per chiedere molti dettagli: il ristorante usato per il banchetto nuziale; la gioielleria che ha venduto le fedi; il fiorista che si è occupato degli addobbi floreali; il nominativo di chi ha assicurato il servizio fotografico; le generalità del musicista o cantante che ha intrattenuto gli invitati durante la cerimonia; il negozio scelto per la lista nozze; il negozio di abbigliamento o la sartoria che ha venduto gli abiti del matrimonio; infine, l' agenzia viaggi presso la quale è stato prenotato il viaggio di nozze. Uno screening a 360 gradi che potrebbe essere riproposto a livello nazionale sulle 258 mila coppie che ogni anno convolano a nozze.
Ma i tecnici potrebbero ipotizzare anche altre tipologie di questionario. Quello da inviare ai circa 350 mila studenti che si iscrivono per la prima volta all' Università e che magari hanno affittato un appartamento insieme con gli amici. Ci sono poi le ripetizioni, spesso fatte in nero, per gli studenti che devono recuperare i cosiddetti «debiti formativi» per non aver ricevuto una buona pagella, oppure le carrozzerie che hanno riparato le auto che hanno ricevuto il rimborso dell' assicurazione. Il vero nodo da sciogliere sarà quello dei costi in rapporto ai benefici. L' invio di una raccomandata costa già oggi tra i 3,5 e i 4 euro e la spedizione di migliaia di questionari potrebbe diventare onerosa. Ma c'è poi un altro aspetto: la caccia all' evasore tornerà a chiedere nuovi adempimenti ai contribuenti che, se non risponderanno, saranno costretti a pagare una multa che potrebbe variare tra i 258 e i 2.066 euro.
Corrado Chiominto

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

Gazzetta, la Procura di Catania a settembre: faremo l'impossibile per occupazione e rilancio

 
Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

Kids: torna a Lecce il festival per i più piccoli in nome dell'inclusione

 
pranzo

pranzo

 
Inaugura il Villaggio di Babbo Natale: luci, musica e file di un'ora per incontrarlo

Luci, musica e lunghe file per incontrare Babbo Natale: inaugurato il Villaggio

 
"Cane Secco" si lancia col paracadutelo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

"Cane Secco" si lancia col paracadute
lo youtuber tra le braccia dei Carabinieri

 
Afghanistan, il ministro Trentaporta il saluto di tutto il Paese

Afghanistan, il ministro Trenta
porta il saluto di tutto il Paese

 
Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolosul set dello sceneggiato "I due soldati"

Afghanistan, i bersaglieri della Pinerolo
sul set dello sceneggiato "I due soldati"

 
Afghanistan, le immagini del ministro Trentain occasione del saluto della Brigata Pinerolo

Afghanistan, le immagini del ministro Trenta
in occasione del saluto della Brigata Pinerolo

 
Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri