Venerdì 14 Dicembre 2018 | 03:33

GDM.TV

Vincitori e vinti a Venezia, senza polemiche

«Brokeback Mountain» leone dVENEZIA - Una serata nel segno di George Clooney (vincitore dell' Osella per la migliore sceneggiatura e della Coppa Volpi a David Strathairn protagonista del suo GOOD NIGHT AND GOOD LUCK), anche se il Leone d'oro, in un festival pieno di Asia e America, è andato a BROKEBACK MOUNTAIN di Ang Lee, regista americano di origine taiwanese.
In una 62ma edizione del festival in cui hanno raccolto premi importanti due film in cui è presente il tema dell'omosessualita (BROKEBACK MOUNTAIN e LA BESTIA NEL CUORE di Cristina Comencini che, con Giovanna Mezzogiorno, ha ottenuto la Coppa Volpi) è stato proprio Clooney, sin dalla primo giorno e poi stasera sulla passerella ed in sala a fare da mattatore.
«Il giornalista della Cbs Murray ci ha insegnato che non si può permettere a chi detiene il potere di esercitarlo senza limiti» ha detto Clooney ricevendo il premio che ha dedicato «ai cronisti che sono a New Orleans ed in Afganistan».
Giovanna Mezzogiorno, Stefania Sandrelli
Che questa sia stata la Mostra «dei giornalisti», oltre al successo di Clooney, al documentario a sorpresa della Guzzanti, alla conduzione della serata in cui un giornalista ha inusualmente affiancato la madrina nel difficile compito di rispettare i tempi con una scaletta affollata di premiati, lo si era visto anche dalla crescita del numero di accrediti stampa e tv che ha mandato in tilt la sala stampa (unica seria pecca organizzativa del festival). Mattatrice della serata anche la signora del cinema italiano Stefania Sandrelli. Da lei che ha ricevuto il Leone alla carriera in un abito blu con ampie scollature, la commozione vera di ricevere il premio dalla figlia Amanda.
«E' il simbolo di tanti anni di cinema questo premio - ha detto l'attrice nata a Viareggio nel 1946 -. Un premio che dedico al pubblico che ho sempre amato e stimato come d'altronde stimo la gente».

Da Ang Lee, nato a Taiwan nel 1954, il vero vincitore della serata con il Leone d'oro per il suo western gay BROKEBACK MOUNTAIN un ringraziamento «a tutti quelli che hanno voluto portare avanti questa straordinaria storia americana. Una storia che, prima che tra gay -ha sottolineato- è una storia d'amore». Giovanna Mezzogiorno, che torna dopo tre anni a far vincere all'Italia (ed alla Rai) una Coppa Volpi, dedica questo premio «a chi mi ha fatto da padre quando il mio non c'era più, ovvero: Peter Brook» e attribuisce alla regista Cristina Comencini ed al lavoro di squadra fatto, una gran parte del merito del suo successo.
Anche da David Strathairn, il bravissimo attore che ha interpretato l'anchorman Murray in GOOD NIGHT AND GOOD LUCK, parole di impegno per la professione giornalistica: «c'è grande responsabilità in questo lavoro, la responsabilità che il giornalista ha nei confronti della verita».

Tra i momenti più toccanti della serata, quello che ha visto Valentina De Laurentis consegnare il premio Opera Prima Luigi De Laurentis: «è un premio che porta il nome di mio nonno che era un uomo meraviglioso e che credeva molto nel cinema».
Da un Abel Ferrara un po' scoordinato, vincitore del premio Speciale della giuria con il suo MARY il ringraziamento a tutto il suo staff e un 'Viva l'Italià.
Infine, il Leone Speciale a Isabelle Huppert «per il suo straordinario contributo dato al cinema», un riconoscimento previsto dal regolamento della Mostra ma che non veniva attribuito da una ventina di anni. «Non è stato un compromesso, abbiamo avuto un compito difficile, abbiamo discusso tanto, abbiamo votato democraticamente a maggioranza semplice» ha assicurato il presidente della giuria Dante Ferretti, rispondendo ai mormorii che avevano ipotizzato la scelta fosse stata fatta in qualche modo per rimediare ad una divisione tra i giurati sulla miglior attrice del festival. Nelle prime reazioni a caldo, comunque, tutti sono sembrati contenti dei film visti e dei premi assegnati. Una vera novità che a qualcuno ha già fatto commentare: «squadra che si vince non si cambia».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO