Martedì 11 Dicembre 2018 | 00:42

GDM.TV

i più visti della sezione

Caso-Fazio, ecco perché la Bce ha le «mani legate»

MANCHESTER - Le possibilità di intervento della Bce nel «caso Fazio» sono, in realtà, abbastanza limitate. Lo Statuto dell'Eurotower (all'art. 14.2) prescrive infatti che un governatore possa essere revocato dal suo incarico solo «se non soddisfa più le condizioni richieste per l'espletamento delle sue funzioni o si è reso colpevole di gravi mancanze».
Ma non è questo, almeno per il momento, il caso del numero uno di palazzo Koch. Se anche Fazio si venisse a trovare in una posizione di questo tipo, non spetterebbe comunque alla Bce il compito di rimuoverlo, bensì a chi lo ha designato, cioè alle autorità nazionali e in base alle leggi nazionali. In questo caso, poi, il governatore potrebbe impugnare la decisione e appellarsi alla Corte di giustizia europea.
Quanto al «codice etico» della Bce, che tutti i membri del Consiglio direttivo dell'istituto (anche Fazio) hanno liberamente sottoscritto, va sottolineato che una sua violazione non prevede sanzioni automatiche. La Bce, al massimo, potrebbe dichiarare che un membro del board, con il suo comportamento ha violato tale «codice». Ma questo parere non sarebbe vincolante, nè avrebbe un potere per così dire esecutivo, costringendo Fazio a dimettersi.
La posizione del governatore di Bankitalia è attualmente al vaglio della Bce. E il board dell'istituto monetario potrebbe chiedere un parere sul comportamento di Fazio a Hans Tietmeyer, ex presidente della Bundesbank e «consigliere etico» della Bce. Ma fonti vicine all'Eurotower fanno notare che al momento il governatore di Bankitalia non è neppure indagato e che su Fazio non si è espresso chiaramente nè il governo, nè il parlamento italiano. Un'opinione di Tietmeyer, in assenza di un'indagine formale da parte della magistratura e di una posizione ufficiale delle autorità italiane, forse non sarebbe quindi neanche opportuna.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca