Domenica 16 Dicembre 2018 | 12:13

GDM.TV

Stanziati 10,5 miliardi di dollari in finanziamenti statali

New Orleans devastataWASHINGTON - Di ritorno alla Casa Bianca da un sopralluogo nelle regioni disastrate, il presidente George W. Bush ha firmato la legge che stanzia 10,5 miliardi di dollari per le vittime dell'uragano Katrina.
La misura, che era stata varata all'unanimità d'urgenza dal Senato e dalla Camera degli Stati Uniti, garantisce che i fondi per gli aiuti siano disponibili nell'immediato, anche se le stime dei danni sono molto maggiori.
Al termine del sopralluogo, cominciato con un'ammissione dell'inadeguatezza delle prime reazioni, il presidente Bush aveva affermato che la situazione sul terreno sta migliorando.

E in effetti, con l'arrivo dei primi soccorsi, e dei rinforzi per mantenere l'ordine pubblico, New Orleans è, questa notte, più calma, a cinque giorni dal passaggio dell'uragano Katrina.
Una breccia nelle dighe è colmata, l'altra potrebbe esserlo presto. Ma ci vorranno ancora tra i 36 e gli 80 giorni di tempo per prosciugare la città.
La ricerca di sopravvissuti prosegue, anche con i droni, aerei senza pilota. E l'evacuazione degli ospedali, dei centri d'accoglienza e del SuperDrome continua: c'è stato un morto su un autobus di evacuati rovesciatosi lungo l'autostrada per Dallas perchè uno a bordo dà fuori da matto e aggredisce l'autista.
La conta dei morti non è neppure cominciata in molte aree, ma si parla ormai di diecimila in Lousiana, circa 150 nel Mississippi (dove molti cadaveri sono stati recuperati).

A nome dell'America, il segretario di Stato Condoleezza Rice esprime commozione per le offerte di aiuto giunte da tutto il mondo (c'è un grazie all'Italia speciale).
Ma mentre la macchina degli aiuti è finalmente in moto, le polemiche sui ritardi non si sopiscono: il Senato decide un'inchiesta bipartisan per valutare ragioni e responsabilità di quello che viene definito dalla senatrice repubblicana Susan Collins «l'immenso fallimento» della gestione dell'emergenza di Katrina.
E c'è la proposta di affidare a un ministro ad hoc la risposta alla devastazione dell'uragano. L'idea è del senatore democratico della Louisiana Mary Landrieu ed è avallata da esponenti repubblicani.
Fra i nomi che circolano, Rudolph Giuliani, l'ex sindaco di New York all'epoca degli attacchi terroristici dell'11 Settembre 2001; Colin Powell, l'ex segretario di Stato; o il generale Tommy Franks, l'ex comandante degli attacchi Usa in Afghanistan e in Iraq.
Altre ipotesi avanzate nelle ultime ore, o che vengono comunque valutate dalla Casa Bianca, sono la federalizzazione degli interventi, sottraendone alcune responsabilità alle autorità locali, e la separazione della Fema, l'Agenzia della protezione civile, dal Dipartimento per la sicurezza interna, sotto la cui egida venne piazzata nel 2002.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini