Martedì 19 Gennaio 2021 | 10:55

Il Biancorosso

Serie C
Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

Bisceglie-Bari: 0-1, vittoria dei galletti con gol di Antenucci all'87'

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

BariDai carabinieri
Mola di Bari, sorpresi di notte a rubare carciofi per 7mila euro: arrestati dopo un inseguimento

Mola di Bari, sorpresi di notte a rubare carciofi per 7mila euro: arrestati dopo un inseguimento

 
LecceL'emergenza
Covid, a Gallipoli paura per un focolaio in ospedale

Covid, a Gallipoli paura per un focolaio in ospedale

 
Foggianel Foggiano
Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

Ascoli Satriano: precipita con l'auto giù da un ponte, muore 35enne

 
Brindisila denuncia
Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

Covid, nel Brindisino 100 vaccinati senza averne diritto: presentata interrogazione a Lopalco

 
Tarantocontrolli del CC
Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

Taranto, tentano di entrare in Tribunale con coltelli e tirapugni: 5 denunciati

 
Potenzala protesta
Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

Melfi, area in industriale in tilt per il maltempo: «Tutto fermo per un centimetro di neve»

 
MateraControlli della polizia
Pisticci, in auto con con la droga: arrestati due giovani pusher

Pisticci, in auto con la droga: arrestati due giovani pusher

 
BatMaltempo
Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate

Primi fiocchi di neve in Puglia: Castel Del Monte e Murgia imbiancate. Scatta l'allerta gialla

 

i più letti

Tre le prove schiaccianti che inchiodano il nipote

coniugi brescianiBRESCIA - Sono tre le prove determinanti a carico di Guglielmo Gatti accusato dell'omicidio degli zii Aldo e Luisa Donegani. Ha chiarito i contorni della vicenda iniziata il 30 luglio scorso, con la scomparsa dei due coniugi dalla villetta di via Ugolini, il procuratore della repubblica di Brescia Giancarlo Tarquini durante una conferenza stampa presso il comando dei carabinieri alla quale erano presenti anche il comandante del Ris di Parma, col. Luciano Garofano, il comandante della sezione operativa dei carabinieri, col. Mauro Valentini, il comandante provinciale dei carabinieri Rosario Calì, il pm Paola Reggiani e rappresentanti di Guardia di finanza e volontari del soccorso alpino. Il procuratore ha fatto il punto delle indagini spiegando che «il ritrovamento dei corpi dei due coniugi non è stato casuale ma frutto di una linea investigativa sulle tracce di Guglielmo Gatti».

Secondo elemento che ha incastrato il nipote quarantunenne dei due coniugi le cesoie trovate nei pressi del passo del Vivione. Le macchie di sangue ritrovate sui due strumenti sono risultate appartenere ad Aldo e Luisa. Con le cesoie Guglielmo Gatti ha fatto a pezzi i corpi degli zii per poi impacchettarli in una decina di sacchi dell'immondizia e buttarli nel bosco del Vivione.

Il terzo elemento di cui parla il procuratore, determinante per l'incriminazione di Guglielmo Gatti per duplice omicidio volontario aggravato dalla premeditazione, il risultato dei rilievi effettuati ieri pomeriggio dagli uomini del Ris che hanno trovato tracce di sangue nel garage di Guglielmo Gatti.
«Le tracce di sangue trovate nel garage - ha detto Tarquini - certamente appartengono ai due coniugi uccisi». Non si conoscono al momento con certezza altri dettagli perchè l'attività investigativa è ancora in corso e gli inquirenti non si sbottonano su come e su quando Guglielmo Gatti ha ucciso gli zii. Di sicuro, secondo quanto riferito dal procuratore, «la mattanza è avvenuta nel garage».
Oltre questi elementi ad incastrare Gatti anche il pernottamento in un albergo di Breno nella notte tra il 30 e il 31 luglio scorso. «Accanto alla soddisfazione per il risultato - commenta il procuratore - c'è grande tristezza per il disprezzo della vita che ha dimostrato Guglielmo Gatti, che uccide i propri zii, li seziona, li impacchetta e li porta dove mai più sarebbero stati trovati. Speravamo in una fuga dei Donegani, in un irrazionale allontanamento ma la realtà è stata diversa».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400