Domenica 24 Gennaio 2021 | 17:45

Il Biancorosso

Serie C
Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

Bari calcio, al San Nicola i biancorossi affondano il Francavilla con un secco 4-1

 

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Emergenza contagi
Foggia, focolaio Covid in casa di risposo con 18 positivi: 14 pazienti e 4 operatori

Foggia, focolaio Covid in casa di riposo con 18 positivi: 14 pazienti e 4 operatori

 
Batviabilità
Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

Andria, lavori infiniti sulla Sp 231 aumentano disagi e pericoli

 
Tarantocontrolli della ps
Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

Grottaglie, nasconde a casa e nell'officina hashish e marijuana: 40enne arrestato

 
Baricontagi coronavirus
Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

Emergenza Covid, 12 positivi su 3.533 test compiuti in scuole del Barese

 
BrindisiControlli dei CC
Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

Mesagne, sorpreso con droga e coltello a serramanico: in carcere 46enne

 
Potenza«silver economy»
Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

Crisi economica da pandemia: la Basilicata fa leva sui pensionati

 
MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Rotondella, uomo ucciso a coltellate: è un ingegnere di 46 anni. Gravemente ferito netturbino 45enne

 

i più letti

Sassi cavalcavia - La testimonianza dell'autista della Clio, stava andando da Rignano Flaminio, paesino alle porte di Roma, in vacanza a Gallipoli (Lecce)

ROMA - «Che cosa c'è in mezzo alla strada? Forse è un pastore maremmano». Non hanno fatto in tempo a capire quale era l'oggetto, piazzato nella corsia centrale dell'A1, che la loro Clio aveva già urtato il masso e l'auto è impazzita. «Ora ci sentiamo vivi per miracolo», racconta Giuseppe Martone, di 22 anni, che insieme all'amico Rodiano stava andando da Rignano Flaminio, paesino alle porte di Roma, in vacanza a Gallipoli.
Mancavano 10 minuti alle 2, l'aria era fresca e Giuseppe e Rodiano stavano chiacchierando mentre l'auto filava a 90 km all'ora. «Parlavamo per non farci prendere dal sonno - racconta il giovane - quando all'improvviso abbiamo visto un oggetto in mezzo alla corsia centrale, sulla quale viaggiavamo. Non abbiamo fatto in tempo a capire che cos'era che già l'avevamo preso in pieno». A questo punto la Clio ha cominciato a sbandare e a fare testa coda, spingendo nella prima corsia il masso mentre il motore è schizzato in avanti. «Per fortuna - continua Giuseppe - non ci siamo capovolti ma la Clio ha urtato contro il muretto della massicciata e si è fermata».
Sotto choc i due ragazzi escono dall'auto e assistono sgomenti all'impatto della Golf sul blocco motore. «Eravamo appena usciti dall'auto - spiega Giuseppe - quando abbiamo visto la Golf colpire il nostro motore e volare via».
Era notte fonda ma l'autostrada era percorsa da molte auto, soprattutto vacanzieri, come i due giovani o la famiglia di Gioffrè, che preferiscono la notte per raggiungere la meta delle vacanze evitando cose e caldo. «Non finiremo mai di ringraziare - dice Giuseppe - i molti automobilisti che si sono fermati per soccorrere noi e i passeggeri della Golf. Hanno bloccato il traffico, hanno chiamato i soccorsi, ci sono stati vicini perchè noi non riuscivamo a capacitarci di che cosa era successo».
Ora i due giovani sono tornati a casa e ancora si interrogano su quel masso, sulle sue dimensioni, sul perchè non l'hanno visto. «E' successo tutto così all'improvviso - ripete Giuseppe - e chissà perchè noi avevamo pensato che era un cane, un pastore maremmano sdraiato. Era più logico...». Ma, se le indagini confermeranno che il masso è stato buttato dal cavalcavia, non è stata certo la logica a guidare la mano di chi l'ha lanciato.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400