Sabato 23 Gennaio 2021 | 12:52

Il Biancorosso

Serie C
Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

Calcio Bari, Maita: «Ho passato brutte giornate con il Covid 19»

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraOmicidio
Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

Agguato a Rotondella, uomo ucciso a coltellate: gravemente ferito un altro

 
FoggiaIl virus
Covid 19, Brusaferro in collegamento a Foggia: «In Italia lieve decrescita»

Covid 19, Brusaferro in collegamento a Foggia: «In Italia lieve decrescita». Anelli: «No a vaccini a chi non è a rischio»

 
LecceLotta al virus
Vaccinazioni contro il Coronavirus, il primato di Maglie

Vaccinazioni contro il Coronavirus, il primato di Maglie

 
TarantoLa decisione
Un tarantino ai vertici dei servizi segreti, nominato da Conte l'ammiraglio Massagli

Un tarantino ai vertici dei servizi segreti, nominato da Conte l'ammiraglio Massagli

 
BatL'inchiesta
«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

«Chiavi della città», il 12 febbraio la decisione del gup di Trani

 
PotenzaIl caso
Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

Sacerdote lucano «spretato» da Papa Francesco: molestie sessuali ai militari

 
BrindisiL'inchiesta
Fasano, maxi-truffe on line scoperta su scala nazionale: rinviato a giudizio

Fasano, maxi-truffe on line scoperte su scala nazionale: rinviato a giudizio imprenditore

 

i più letti

La moglie e la figlia di uno dei dispersi: «Noi non andremo via da Palermo fino a quando non ci saranno notizie certe su Raffaele»

PALERMO - «Noi non andremo via da Palermo fino a quando non ci saranno notizie certe di Raffaele». A parlare per la prima volta è Flora La Catena, moglie di Raffaele Ditano, uno dei tre dispersi della sciagura aerea di sabato scorso. La donna e la figlia Maria Grazia, di 11 anni, entrambe scampata al disastro, sono ancora con i familiari nel capoluogo siciliano, costantemente assistiti da uno staff di psicologi ed addetti della protezione civile.
Flora La Catena parla a voce bassa, un sussurro appena, per commentare gli interventi straordinari del governo che ieri ha comunicato di avere stanziato un milione e mezzo di euro per proseguire le ricerche dei dispersi e dei due tronconi del relitto inabissatosi a largo della costa palermitana. «Non è tempo di polemiche - spiega - noi vogliamo soltanto Raffaele. Penso che vadano fatti tutti i tentativi, quelli possibili ed anche quelli impossibili. Vogliamo delle certezze, vogliamo sapere che fine ha fatto mio marito. Non ci mettiamo a contare le risorse disponili, questo non ci interessa, ma ribadiamo con forza il nostro diritto a pretendere che ogni mezzo venga utilizzato».

Era stata la madre del disperso, Grazia Cardone, il giorno dopo la sciagura, a chiedere con tono fermo e deciso al ministro delle infrastrutture Pietro Lunardi di non sospendere le ricerche: «Voglio mio figlio, dovete andare avanti fino a quando non lo trovate».
Oggi la moglie di Raffaele Ditano ribadisce questa richiesta, sottolineando però di non volere sollevare polemiche: «Vi chiedo di rispettare il nostro dolore - continua Flora - e non interpretate le nostre richieste come una critica agli sforzi di chi, in questi giorni, ha combattuto con tutte le sue forze per darci una risposta. L'abbiamo apprezzato e lo apprezziamo, sappiamo che accanto a noi ci sono persone di cuore che stanno facendo di tutto per cercare Raffaele».
In un'altra stanza sta riposando la figlia Maria Grazia, la bimba con lo sguardo spaurito che ripeteva subito dopo essere sbarcata dalla motovedetta, quella domanda straziante: «Mamma dov'è papà?». E che in questi giorni ha continuato a disegnare su un foglio la scena terribile che aveva vissuto in prima persona: un aereo spezzato in tre tronconi sul mare al tramonto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400