Giovedì 13 Dicembre 2018 | 23:46

GDM.TV

Atr Bari-Djerba - Berlusconi ringrazia soccorritori

ROMA - Dopo aver seguito, in stretto contatto con il Sottosegretario Gianni Letta a Palazzo Chigi e con il Ministro delle Infrastrutture Pietro Lunardi, le attività di soccorso ai passeggeri dell'ATR 72 costretto ad un ammaraggio d'emergenza al largo delle coste di Palermo, ed essere stato poi Informato di tutte le iniziative di assistenza e supporto ai parenti delle vittime, il Presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ha voluto esprimere la propria gratitudine e riconoscenza a tutti i rappresentanti del servizio nazionale della protezione civile che, a vario titolo, e nei modi più diversi, si sono prodigati per assicurare aiuto, conforto e assistenza a tuoi coloro che sono stilli coinvolti nella drammatica vicenda.
«Ringrazio il personale della Guardia Costiera che ha coordinato con tempestività i soccorsi - dice il Premier - gli uomini delle Forze dell'ordine, delle Forze Armate e dei Vigili del Fuoco, gli operatori del 118 e degli ospedali di Palermo, i volontari della protezione civile e i tecnici dell'ENAC, dell'ENAV e dell'Agenzia della sicurezza del volo e di tutte le amministrazione pubbliche che, coordinati dalle prefetture di Palermo e Bari, hanno fornito il loro prezioso contributo per la gestione di un'emergenza complicata ma affidala ad un sistema che ormai ha in più occasioni dimostrato la propria competenza e professionalità».
Il Governo - si legge in una nota di Palazzo Chigi - non intende trascurare ogni minima possibilità per contribuire alla individuazione delle cause che hanno provocato una tale sciagura e per concludere positivamente le ricerche dei tre passeggeri che ancora risultano dispersi, E+ stala pertanto adottata un'ordinanza di proiezione civile che possa consentire di proseguire le attività volte alla ricerca dei dispersi e di quelle parti del velivolo ATR 72 non ancora recuperate, in modo che possano essere messe a disposizione dell'autorità giudiziaria per le verifiche e analisi del caso. Per tale ragione, a valere sul Fondo Nazionale della protezione civile, è stata stanziata una somma pari a 1,5 milioni di euro che potrà consentire alla Marina Militare di attivare, d'intesa con l'Agenzia Nazionale per la sicurezza del volo, tutti i mezzi navali necessari al recupero immediato delle componenti aeree che giacciono ad oltre mille metri di profondità. Tale operazione - conclude la nota - ovviamente, avrà luogo nel rigoroso rispetto delle misure giurisdizionali assunte e delle iniziative giudiziarie in alto e dovrebbe consentire, nell'arco di una settimana, di poter disporre di tutte le parti mancanti del velivolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO