Lunedì 08 Marzo 2021 | 04:40

Il Biancorosso

Serie c
Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

Bari messo ko dal Potenza al San Nicola: 0-2

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Covid news h 24Il virus
Covid, il monito della virologa: «Vaccinati? Potrebbero contagiarsi. 2 casi su 3 da variante inglese»

Covid, il monito della virologa: «Vaccinati? Potrebbero contagiarsi. 2 casi su 3 da variante inglese»

 
FoggiaIl caso
Covid 19 a Foggia, in 9 sorpresi a giocare a carte: multati

Covid 19 a Foggia, in 9 sorpresi a giocare a carte: multati

 
LecceLa nomina
Musica, 5 vincitori e menzione speciale per il premio delle Arti a Lecce

Musica, 5 vincitori e menzione speciale per il premio delle Arti a Lecce

 
BatIl caso
Trani, la discarica si trasforma in impianto

Trani, la discarica si trasforma in impianto

 
MateraIl caso
Montescaglioso, le vende cocaina e la intrappola in casa: salvata da una mail inviata ai cc

Montescaglioso, le vende cocaina e la intrappola in casa: salvata da una mail inviata ai cc

 
TarantoQuote rosa
Taranto, assunzioni col trucco: in 18 sotto processo

Taranto, assunzioni col trucco: in 18 sotto processo

 
PotenzaIl caso
Maratea, scoppia zuffa fra sindaco e assessore: entrambi in ospedale

Maratea, scoppia zuffa fra sindaco e assessore: entrambi in ospedale

 
BrindisiLa cerimonia
L’abbraccio Puglia-Albania: «A Brindisi una medaglia per l’accoglienza»

L’abbraccio Puglia-Albania: «A Brindisi una medaglia per l’accoglienza»

 

i più letti

Il sindaco di Londra: via dall'Iraq per proteggere i londinesi

LONDRA - Ritirare le truppe britanniche dall'Iraq per proteggere i cittadini di Londra da altri attacchi. Quello che per il sindaco della capitale del Regno Unito Ken Livingstone è uno dei punti chiave del piano per la sicurezza, assume oggi maggior rilievo dopo che un video di al Zawahri mette in guardia la Gran Bretagna minacciando altre distruzioni a Londra se la politica di Tony Blair non cambierà.
Gli altri punti dell'unico piano per la sicurezza, che secondo Livingstone può funzionare, sono l'aiuto alla polizia e il rispetto dei musulmani non solo a parole.
«Se la guerra in Iraq avesse avuto una giustificazione reale, oggi potremmo dire che gli attentati che abbiamo subito sono il prezzo necessario in vista di un obiettivo concreto», afferma Livingstone in un commento firmato da lui sul quotidiano britannico The Guardian.
«Ma ora è evidente che la guerra non aveva una giustificazione che poteva reggere. Ha solo peggiorato la situazione di quel paese», scrive il sindaco di Londra, aggiungendo che gli Stati Uniti non possono vincere perchè hanno contro il popolo iracheno e perchè gli obiettivi democratici che si erano prefissati non hanno niente a che vedere con la politica che di fatto hanno messo in pratica.
Nonostante dichiari con forza che la guerra è un male e che la Gran Bretagna deve procedere al ritiro delle truppe al più presto, Livingstone afferma che «non è giusto spiegare alle persone che i 56 morti del 7/7 sono vittime della presenza delle truppe britanniche in Iraq». «Gli attentatori uccidono indiscriminatamente», aggiunge il sindaco che sostiene con ugual forza «sia le azioni contro la guerra che le misure per proteggere Londra da altri attacchi».
Un altro cardine della sua ricetta per la sicurezza è l'appoggio alla polizia britannica. «Solo la polizia può fermare i terroristi», ha detto Livingstone chiedendo la cooperazione della popolazione che essa sola può «rendere efficaci gli sforzi degli agenti fornendo loro le informazioni utili a scovarli».
Infine, trattare i musulmani con rispetto. Secondo il primo cittadino di Londra, però, il rispetto nei confronti della comunità islamica imporrebbe anche l'accettare uno dei loro maggiori leader religiosi, anche se si tratta di un personaggio molto discusso che alcuni vorrebbero mandare via dal paese: «Non possiamo dirci rispettosi della comunità musulmana fino in fondo se ci rifiutiamo di accettare uno dei loro rappresentanti più eminenti come Qaradawi».
Qaradawi, tra i primi a condannare senza riserve gli attentati, è per molti un leader religioso discutibile perchè ha affermato di giustificare i kamikaze palestinesi, sebbene esclusivamente nel contesto del conflitto israelo-palestinese. «Condanno i kamikaze palestinesi così come le uccisioni di civili innocenti fatte da Israele», afferma Livingstone la cui visione delle cose, dice, lo spinge a credere «nel dialogo e nella negoziazione per mettere fine a qualunque violenza».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400