Sabato 15 Dicembre 2018 | 21:17

GDM.TV

Il dolore della famiglia Conti dove tutti attendono notizie

Londra, dolore PALERMO - Il dolore delle famiglie Conti e Maiorana è racchiuso in una strada lunga 500 metri, la Provinciale che attraversa Aci Trezza, la piccola frazione di Aci Castello dove Giuseppe Verga ambientò i «Malavoglia». In questo borgo di pescatori, teatro di antiche e nuove tragedie, abitava Sebastiano Conti, la vittima italiana dell'attentato di Sharm, con la moglie Daniela Maiorana.
L'abitazione della famiglia Conti è una piccola palazzina a due piani, alla periferia del paese, dove i genitori di Sebastiano, Giuseppe Conti, pescatore in pensione, e la moglia, Maria Valastro, sono chiusi nel loro dolore insieme con l'altra figlia, Giusi. I componenti della famiglia, per ora, non vogliono parlare. Vivono momenti febbrili, accanto al telefono, in attesa di comunicazioni ufficiali dalla Farnesina.
Nessuna notizia è infatti ancora arrivata sulla sorte della moglie di Sebastiano, Daniela, di 32 anni, e del fratello, Giovanni, di 28 anni, anche lui partito per Sharm insieme con la fidanzata, Rita Privitera, 25 anni appena compiuti, giornalista dell'emittente televisiva Rei Tv. L'unico atto ufficiale compiuto fino ad ora - la richiesta alle famiglie di alcune foto di Daniela, Giovanni e Rita da inviare in Egitto - fa crescere ancora di più la tensione dentro casa. All'esterno la palazzina è presidiata da polizia e carabinieri, che tengono a distanza i cronisti.

Al capo opposto della strada Provinciale, proprio all'ingresso del paese, si trova invece la casa dei Maiorana, dove abitano i genitori di Daniela, Alfio Maiorana, ferroviere in pensione, e la moglie, Pina Pistone, che hanno altri due figli, Andrea e Marina. Anche in questo caso si tratta di una palazzina a due piani; analoga la cortina impenetrabile di dolore che circonda la famiglia. Solo una laconica dichiarazione per telefono all'Ansa, da parte di uno dei parenti: «Di Daniela non abbiamo ancora nessuna notizia, così come di Giovanni e Rita. Siamo in contatto telefonico con la Farnesina - aggiunge il familiare, che non vuole dire il suo nome - abbiamo anche chiamato in Egitto, ma le linee sono intasate».

Il portavoce della famiglia Maiorana prega i giornalisti di non insistere con le loro richieste di informazioni: «Cercate di comprendere il nostro stato d'animo fino a quando non avremo notizie certe non intendiamo parlare».
In casa Maiorana, secondo le scarne informazioni filtrate attraverso lo stretto riserbo dei familiari, si trovano anche i due nipotini, Giuseppe, di 18 mesi, e Maria, di cinque anni, che portano lo stesso nome dei nonni paterni. Per tutta la giornata hanno giocato tranquilli, ignari della tragedia che ha colpito i loro genitori.

Per Sebastiano e Daniela, partiti senza i due figli, la vacanza in Egitto doveva rappresentare la loro «luna di miele». Quando si erano sposati, hanno raccontato i loro colleghi di lavoro, non erano riusciti a partire per il viaggio di nozze. Così, dopo la nascita dei bambini e l'assunzione presso il Centro commerciale Emmezeta di Acireale, che aveva consentito a Sebastiano di rientrare in Sicilia da Parma dove lavorava in una fabbrica di vetro, la coppia aveva deciso finalmente di festeggiare il matrimonio, sia pure con qualche anno di ritardo. Una festa cancellata in un attimo da un boato e dalla ferocia dei terroristi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini