Domenica 09 Dicembre 2018 | 21:38

GDM.TV

i più visti della sezione

Il sogno di Benedetta infranto in un tunnel

Londra ROMA - C'era un segno del destino nella data scelta da Benedetta Ciaccia per il suo matrimonio: 11 settembre 2005, quarto anniversario dell'attacco alle Twin Towers e inizio della «guerra santa» di Bin Laden contro l'occidente. Benedetta è morta due mesi prima della cerimonia in uno dei sanguinosi attentati inaugurati dalla strage del 2001.
Benedetta Ciaccia, trentenne romana, si era trasferita da dieci anni in Inghilterra. Oltre Manica aveva trovato casa (a Norwich), un lavoro (analista economica della società editrice internazionale Pearson Group) e da tre anni l'amore di Fiaz Bhatti, un commerciante britannico-pachistano musulmano che viveva con lei e che per giorni l'ha cercata negli ospedali di Londra.
«Credevamo in fedi diverse - ha raccontato Fiaz - ma questo non è mai stato un problema. Eravamo due cittadini britannici moderni. Io musulmano e lei cattolica, l'importante è che ci amavamo. Lo sforzo di far accettare la relazione alle nostre famiglie è stato enorme. Ma adesso il sogno è a pezzi».
«Si è sacrificata molto e ha fatto tutto da sola con il piccolo aiuto nostro», ha raccontato il padre di Bendetta, Roberto. Benedetta era arrivata a Londra da studentessa per imparare l'inglese. Per mantenersi gli studi (aveva preso quattro diplomi) aveva lavorato come baby sitter. Poi si era laureata e specializzata in informatica, era stata assunta dal Financial Times come funzionaria ed era poi passata alla Penguin Books.
A Roma la notizia dell'attentato londinese del 7 luglio è arrivata come un fulmine a cielo sereno: nella villetta di un quartiere nord della capitale, la madre madre Nella, il padre Roberto e le sorelle Roberta e Giulia (che vedevano Benedetta quindici giorni l'anno, per le vacanze di Natale), stavano ultimando i preparativi per il matrimonio di Benedetta e Fiaz da celebrare con un rito misto nella chiesa di San Silvestro. Uno zio della giovane, raccontava nei giorni scorsi, aveva già avuto la partecipazione e comprato il regalo.
La mattina di giovedì 7 luglio, Benedetta Ciaccia, capelli castani blue jeans, maglietta nera e collana con un dente di squalo, era uscita di casa ed aveva preso il treno da Norwich alle 6.25 per recarsi in ufficio. A Liverpool Street doveva prendere la metropolitana per arrivare in ufficio, a metà strada fra due fermate della Circle Line, Temple e Embankment. Quel giovedì il treno da Norwich è arrivato a Liverpool Street alle 08:40, 17 minuti in ritardo rispetto all'ora di arrivo fissata alle 08:23. E potrebbe essere stato proprio quel ritardo a segnare il destino di Benedetta. L'italiana è salita nel primo convoglio utile della Circle Line, lo stesso treno, il sospetto che giorno dopo giorno è divenuto realtà, sul quale uno dei quattro kamikaze si è lasciato esplodere fra la folla alle 08:50, in un tunnel fra le stazioni di Liverpool Street e Aldgate.
Il 9 luglio, due giorni dopo l'attentato, il padre Roberto era partito, con un nipote, per Londra per partecipare alle ricerche. «Parto coltivando la speranza che Benedetta possa essere ancora viva», disse a Fiumicino. Sette giorni inutili. Ieri il rientro a Roma: oggi la tragica notizia dell'identificazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca

 
F-104, la  storia di un mitoper tre generazioni di piloti

F-104, la storia di un mito
per tre generazioni di piloti

 
Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: segui la diretta

Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: rivedi la diretta

 
Porto di Taranto, ecco l' ingresso spettacolare della portaerei Cavour

Porto di Taranto, ecco l'ingresso spettacolare della portaerei Cavour

 
Serena Brancale presenta disco con Willie Peyote, nuove uscite per Cremonini, Pausini e pugliesi Desario e Di Pinto

Serena Brancale presenta disco con Willie Peyote, novità per Cremonini, Pausini e pugliesi Desario e Di Pinto