Mercoledì 16 Gennaio 2019 | 10:01

GDM.TV

Le proteste e i temi sul tappeto nel G8 passano il secondo piano

G8 in Scozia GLENEAGLES - Ieri c'era il clima, l'Africa, e soprattutto le proteste, pacifiche o violente che fossero. Oggi tutto è sparito, sostituito dall'angoscia, lo shock delle bombe di Londra, le immagini terribili di Sky o della Bbc, con la devastazione, i visi insanguinati, i racconti della paura.
Gli attentati di Londra hanno drammaticamente cambiato nel giro di un'ora l'atmosfera a Gleneagles. La notizia delle esplosioni, quando ancora si parlava di problemi collegati alla corrente elettrica nella metropolitana, ha raggiunto molti giornalisti prima delle nove, mentre ancora arrivavano in pullman da Edimburgo o Glasgow, un percorso di due ore.
All'arrivo nella grande sala stampa a due piani del vertice, accanto all'hotel che ospita i lavori, un fatto è apparso chiaro: quel che stava succedendo a Londra stava per spazzare via (dall'attenzione generale, anche se non dall'agenda del vertice che prosegue) l'Africa, i mutamenti del clima, la riforma del commercio, la lotta all'Aids. Ancora una volta, il tema del giorno diventava, terribilmente, uno solo: il terrorismo.

Le esplosioni avevano però anche un altro effetto. Nulla è rimasto oggi delle proteste di ieri, delle cariche della polizia nei prati attorno ad Auchterarder, dei manifestanti che cercavano di far crollare la barriera di sicurezza, dei reparti a cavallo intenti a contenere i dimostranti. Anche la pressione per l'Africa attuata dall'ultimo grande concerto del Live 8 sembra essere lontana, nel frenetico rincorrersi di notizie, bilanci di vittime, dichiarazioni della polizia della capitale. Sulla strada per Gleneagles, a Auchterarder come a Stirling, dove ieri la tensione era alta per le manifestazioni e per i disordini provocati dai Black Bloc nelle prime ore del mattino, oggi non c'è quasi nessuno per strada. Niente blocchi stradali, niente pattuglie nervose a controllare raggruppamenti di manifestanti lungo le remote strade di campagna di quest'angolo di Scozia.
L'atmosfera frenetica di qualsiasi grande riunione internazionale diventa cupa, e tra le truppe dell'informazione, molti iniziano a preparare un veloce trasferimento a Londra. Nelle prime ore del mattino inizia a circolare addirittura la voce che il vertice verrà cancellato, previsione poi smentita da Tony Blair in persona. Alla riunione, comunque, saltano tutte le pubblicazioni di comunicati dal vertice, rimandati a domani.
Oggi non c'è Africa, clima, o commercio che tenga. Tutto è azzittito dai boati di Londra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Con "ToroTen" si corre per beneficenzaBarletta, il 27 gennaio la gara più cool

Con "ToroTen" si corre per beneficenza
Barletta, il 27 gennaio la gara più cool

 
Gestivano prostitute dal carcere in Francia: vicino alla banda anche sacerdote

Gestivano prostitute da carcere in Francia: vicino a banda anche un prete

 
Neglia e Floriano firmano la rimontaecco le immagini dei gol del Bari

Neglia e Floriano firmano la rimonta
ecco le immagini dei gol del Bari

 
Violenze e minacce a bimbi autistici: arrestate 4 educatrici a Noicattaro

Violenze e minacce a bimbi autistici: arrestate 4 educatrici a Noicattaro VD

 
Ius Soli a Ruvo, bimbi stranieri nati in Italia ricevono la cittadinanza civica

Ius Soli a Ruvo, bimbi stranieri nati in Italia ricevono la cittadinanza civica

 
San Cataldese - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

San Cataldese - Bari: il punto con La Voce Biancorossa, rivedi la diretta

 
Novità per Daniele Lanave, Raissa incontra Mad Dopa, la Gae Campana Band canta il Gargano di Andrea Pazienza

Novità per Daniele Lanave, Raissa incontra Mad Dopa, la Gae Campana Band canta il Gargano di Pazienza

 
Il presidente si racconta in tv su Rai2"Il Bari? Per me è una nuova fede calcistica"

Il presidente si racconta in tv su Rai2
"Il Bari? Per me è una nuova fede calcistica"

 
Chiedevano a commercianti soldi per «amici detenuti»: nei guai 4 vicini al clan Strisciuglio

Chiedevano a commercianti soldi per «amici detenuti»: nei guai 4 vicini al clan Strisciuglio