Martedì 11 Dicembre 2018 | 20:48

GDM.TV

i più visti della sezione

Blair Vs Chirac e lo scontro si fa più acceso dopo lo smacco delle Olimpiadi

GLENEAGLES - Due a zero e palla al centro. Dopo Bruxelles, Singapore. Tony Blair vince anche il secondo round contro Jacques Chirac e direttamente da Singapore - dove Londra ha battuto Parigi nella corsa alle Olimpiadi del 2012 - arriva da trionfatore a Gleneagles, dove da stasera presiederà i lavori del G8 con il piglio di colui che vuole cambiare tutto: l'Europa, i rapporti con l'Africa, gli equilibri tra sud e nord del mondo.
Piove e fa freddo a Gleneagles, un angolo sperduto di Scozia, con i manifestanti anti-globalizzazione che assediano gli otto grandi e la polizia che fatica a controllare la situazione. Ma Blair sorride. E ha diversi motivi per farlo. Londra avrà le sue Olimpiadi. E Parigi no. Dopo aver fatto fallire il vertice di Bruxelles dicendo di volere un'Europa nuova e più moderna e schierandosi nettamente contro Chirac e la sua visione più politica dell'Ue, il premier britannico ha messo un altro punto in carniere in quel duello franco-britannico ormai al calor bianco e mai così duro come in questi mesi.

Tra Blair e Chirac non corre buon sangue ma il rapporto si è deteriorato ancor più dopo la batosta presa dal presidente francese al referendum nazionale per la ratifica della costituzione europea.
Con Chirac in difficoltà, Blair ha preso il sopravvento e ha guidato il fallimento del summit Ue in vista della presidenza di turno britannica, puntando anche sulla possibilità di gestire la delicata questione del bilancio europeo e delle ratifiche costituzionali in nome di un'Europa - dice lui - più adeguata ai tempi. In nome - dice Chirac - di una visione di un'Europa con un impronta mercantile ed un basso profilo politico.
Adesso è giunto il trionfo - in parte inatteso - di Singapore. E con il sorriso sulle labbra, Blair può gestire i lavori di un G8 che ha impostato in maniera concreta e cercando risposte chiare dai partner.
Non sarà facile portare a casa un terzo punto. Sull'Africa, Blair può aspettarsi un buon risultato: gli Otto grandi hanno già deciso di cancellare il debito dei 18 Paesi più poveri e concorderannno nuovi stanziamenti.
Sul clima, la situazione è più difficile. Un qualche tipo di dichiarazione comune si potrà ottenere ma qui entra di nuovo in gioco Chirac, il quale ha già fatto sapere di volere impegni importanti e vincolanti. Un messaggio a Bush. E a Blair. D'altra parte anche tra Chirac e il presidente americano i rapporti non sono dei migliori e il presidente francese non è tipo da perdere senza combattere.

L'uno-due del referendum e delle Olimpiadi è stato duro, ma la partita non è finita. E quella di Gleneagles sarà solo un passaggio - seppur importante - della resa dei conti tra Blair e Chirac. La guerra vera si combatterà sul terreno europeo e qui Blair ha poco da ridere. La presidenza di turno britannica si annuncia difficile, il sentiero è stretto e disseminato di trappole che Chirac sta già mettendo a punto.
La questione del bilancio vede la Gran Bretagna in una situazione di obiettiva difficoltà dovendo fare i conti con quel rimborso ottenuto da Margaret Thatcher vent' anni fa ma considerato ormai immotivato visti i progressi economici fatti dal Paese. Blair ha riposto alle accuse dei partner attaccando la politica agricola comune di cui la Francia è il maggior beneficiario.
I destini di Parigi e Londra si incrociano ancora. E si incrociano soprattutto visioni diverse dell'Europa e del mondo e interessi nazionali in netta contrapposizione. La partita non è finita. Chirac è in un momento di debolezza e in molti guardano alla sua successione. Ma anche a Londra, non è un mistero, c'è Gordon Brown che aspetta il suo momento.
Per uno strano gioco del destino, Blair e Chirac potrebbero trovarsi insieme alla fine del loro lungo percorso politico. Ma non prima di aver combattuto la loro personale battaglia. Oggi è Blair a sorridere, ma non è detto che sarà ancora così tra sei mesi, quando si tireranno le somme delle presidenze britanniche del G8 e dell'Unione europea.

Stefano Polli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera