Martedì 11 Dicembre 2018 | 02:08

GDM.TV

i più visti della sezione

I temi sul tappeto e le speranze della presidenza britannica

LONDRA - La presidenza britannica del G8 ha fissato come punti fondamentali del vertice di Gleneagles la lotta alla povertà in Africa e quella contro i mutamenti del clima, ma ci sono molti altri temi che verranno esaminati. In sintesi ecco cosa Londra spera finisca nelle dichiarazioni finali, che oltre a questi due argomenti toccheranno temi come il Medio Oriente, aiuti alle vittime dello tsunami, prezzi del petrolio, commercio mondiale, terrorismo, lotta alla proliferazione nucleare e all'Hiv/Aids.

CLIMA - La presidenza spera si possa arrivare a un accordo per il quale tutti gli 'ottò convengano che il riscaldamento del pianeta è una seria minaccia, e si accordino su alcune misure concrete per contrastarlo. Su questo pesa l'incognita degli Usa, che mettono in discussione la gravità stessa del problema e gli allarmi dati dagli scienziati.
MEDIO ORIENTE - Blair vuole l'impegno dei partner per un «pacchetto di sostegno» per migliorare le condizioni di vita dei palestinesi alla vigilia del ritiro israeliano da Gaza.
POLITICA ESTERA - Blair vorrebbe che i riflettori fossero puntati sullo Zimbabwe e le violazioni dei diritti attuate dal governo di Robert Mugabe, ma molta attenzione verrà data all'Iran (e al suo programma nucleare) e alla Corea del Nord.
L'Iraq, inevitabilmente, sarà in agenda, ma non c'è alcuna anticipazioni su cosa possa contenere una dichiarazione in merito.
AFRICA - Gli sforzi di Blair e del suo Cancelliere dello Scacchiere Gordon Brown hanno già portato alla cancellazione debito multilaterale per molti paesi africani, ma Londra vuole di più: una International Finance Facility che potrebbe raccogliere 50 miliardi di dollari per gli aiuti grazie all'emissione di obbligazioni. Questa Facility vede l'opposizione di Washington. Un aumento degli aiuti è ritenuto probabile, in particolare per la lotta alle malattie.
COMMERCIO PIU' EQUO - Anche su questo argomento, collegato strettamente all'uscita dalla povertà dell'Africa, gli Otto sono distanti. Londra vorrebbe che tutti facessero concessioni sui sussidi all'agricoltura nei paesi ricchi, che non permettono una vera competizione ai paesi poveri. Ma un accordo appare difficile. Per il capo degli sherpa britannici Michael Jay, questo «è sempre stato un problema difficile».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca