Mercoledì 12 Dicembre 2018 | 04:44

GDM.TV

i più visti della sezione

La Dssa, organizzazione di uomini «duri e puri» tra ex 'gladiatori', sedicenti agenti segreti e investigatori privati

Dssa Gaetano Saya MILANO - Sedicenti agenti dei servizi segreti, massoni, ex 'gladiatori', investigatori privati: millantavano di volta in volta di essere un po' di tutto gli appartenenti alla organizzazione nazionalista e di estrema destra DSSA, individuata in varie regioni italiane dalla Digos di Genova, e nella quale figuravano anche una dozzina tra poliziotti, carabinieri, guardie carcerarie, finanzieri.
In realtà i finti esperti di antiterrorismo, in particolare quello islamico, erano per lo più civili accomunati da una ideologia neofascista e dalla passione per le spy story. Spacciandosi per agenti pedinavano persone, pretedevano documenti, attuavano finti arresti, redigevano false informative ma soprattutto ottenevano piccoli ed insignificanti 'favori'.
Il Dipartimento Studi Strategici Antiterrorismo (Dssa), operativo dal 26 marzo 2004, è nato, secondo le intenzioni dei fondatori, a seguito dell'attentato di Madrid dell'11 marzo 2004 proprio con finalità di monitoraggio e contrasto al terrorismo.

Lo si legge chiaramente sul sito internet del Dssa, ai cui vertici risultano esserci Gaetano Saya (nelle foto)e Riccardo Sindoca, fondatori, tra l'altro, di un'organizzazione politica denominata Destra Nazionale - Nuovo Msi ed ex appartenenti, a loro dire, all' organizzazione Gladio.
Il Dssa, si legge nel sito «è strutturata dal Direttore del Dipartimento e dal Vice Direttore, ed è suddivisa in sei Divisioni, coordinate fra loro, dai relativi Capi Divisioni (ex agenti e collaboratori dei servizi segreti), e ufficiali operativi dell'organizzazione Stay behind (Gladio), che sono stati operativi in Nord Africa e Medio Oriente durante la guerra fredda, e che sono perfettamente a conoscenza della strategia applicata dalle sette del terrorismo islamico, inoltre da Consulenti di Nazionalità estera inseriti nell'organico del Dipartimento».

Dssa Gaetano Saya Gaetano Saya, fondatore del Movimento Sociale Italiano-Destra Nazionale-Nuovo Msi è arrestato oggi nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Genova, è stato rinviato a giudizio nel novembre dello scorso anno per la propaganda di idee fondate sulla superiorità e l'odio razziale, diffuse attraverso il sito internet 'www.destranazionale.org'. Un sito che si apre con lo slogan «Siamo quali fummo, saremo quali siamo, vanto dell'Italia, difensori della Patria, custodi delle tradizioni» ed in cui si dice tra l'altro che «il male sceso tra noi trova in uomini come George Bush in America e Gaetano Saya in Italia un baluardo inespugnabile, uomini timorati di Dio, duri e puri, che illuminati per volontà divina, sono scesi nella valle oscura della morte per difendere la fede giudeo-cristiana e l'occidente». Questa frase è sormontata dalle foto affiancate del presidente USA e dello stesso Saya. Il processo nei confronti del direttore del DSSA, iniziato a maggio, è stato rinviato a ottobre.
Riccardo Sindoca, presentato nel sito del Dssa come vice direttore dell'organizzazione, risulta anche essere «portavoce nazionale dell'Unione nazionale forze di Polizia». Si tratterebbe di un sindacato di forze di polizia, di cui Gaetano Saya, nel 2002, era presidente onorario.

Sindoca vive ad Alagna Lomellina, nel pavese, e si occupa di sicurezza, sempre in modo border line, anche grazie a una notevole disponibilità economica. Ma è Saya, secondo gli investigatori, la mente dell'organizzazione. L'uomo, che non viene considerato dagli investigatori di particolare caratura, viene però ritenuto un discreto «faccendiere». Un uomo che aveva attirato diversi appartenenti alle forze dell'ordine nel suo fumoso entourage, soprattutto per utilizzarli come fornitori di informazioni riservate e base elettorale per le sue velleità politiche.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia