Sabato 15 Dicembre 2018 | 21:43

GDM.TV

La globalizzazione è motore di crescita e occupazione

PARIGI - La liberalizzazione degli scambi e degli investimenti sono un potente motore di crescita, con effetti positivi sulla qualità della vita e dell'occupazione.
Lo ha dichiarato il direttore del lavoro all'Ocse, John Martin, sottolineando come la globalizzazione non sia la principale causa della disoccupazione nei paesi industrializzati. «Le perdite di posti di lavoro nella zona Ocse legate alla concorrenza e alle importazioni direttamente imputabili alla globalizzazione sono molto limitate» ha aggiunto nel corso di una conferenza stampa a Parigi per presentare l'ultimo outlook sull'occupazione.
«Al momento il tasso di creazione di posti di lavoro è ancora superiore a quello di distruzione» ha proseguito Martin riconoscendo però che l'arrivo della concorrenza di paesi come l'India e la Cina hanno fortemente alimentato i timori e il senso di insicurezza nei paesi industrializzati.
Con la globalizzazione alcuni settori hanno accelerato il loro declino ma altri hanno trovato nuove opportunità ha sottolineato Martin.
Il dirigente dell'Ocse ha rilevato però che chi perde il lavoro a causa di delocalizzazioni o chiusura delle attività dovute alla concorrenza di paesi emergenti, stenta più degli altri a ritrovare un'occupazione. Se negli Stati Uniti solo il 63% dei lavoratori di settori manifatturieri vittime della concorrenza internazionale trova lavoro dopo due anni in Europa si scende al 52% nelle industrie manifatturiere sottoposte a una forte pressione internazionale. Le vittime delle soppressione di posti di lavoro legate agli scambi commerciali devono poi in media pagare un «costo di aggiustamento» superiore agli altri disoccupati, con un 'tagliò salariale medio del 13% negli Usa (che può arrivare fino al 30%) e del 4% in Europa.
Le economie dei paesi industrializzati devono però fare il possibile per poter disporre di mercati del lavoro dinamici in grado di poter far fronte alla concorrenza dei paesi emergenti e creare nuovi posti di lavoro in altri settori. Tra le misure che l'Ocse raccomanda ai governi per rispondere alla sfida della mondializzazione vi è quella di rendere il lavoro finanziariamente più interessante delle prestazioni sociali e fornire una garanzia di reddito adeguato a chi perde il lavoro e un aiuto ai disoccupati per ritrovare un lavoro rapidamente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini