Giovedì 13 Dicembre 2018 | 02:11

GDM.TV

Referendum/Fecondazione - Alle urne sono chiamati oltre 50 milioni di italiani, 26 milioni di donne e 24 milioni di uomini

ROMA - Consultazione referendaria 12 e 13 giugno sulla fecondazione medicalmente assistita. Alle urne sono chiamati oltre 50 milioni di italiani, 26 milioni di donne e 24 milioni di uomini. Sul referendum, tuttavia, grava l'incognita dell'astensione: si sono moltiplicati infatti nelle ultime settimane gli appelli e le iniziative per il non voto, in modo trasversale all'interno degli schieramenti politici e non solo, tale da far crescere la quota "fisiologica" di astensionisti, calcolata intorno al 30% degli aventi diritto al voto, e mettere a rischio il raggiungimento del quorum.
Le sezioni elettorali sono 60.0664. Si vota su quattro quesiti. Inizialmente i referendum erano cinque ma la Consulta ha dichiarato non ammissibile il primo dei quesiti, quello con cui i promotori dell'iniziativa referendaria intendevano abrogare per intero la legge 40 approvata lo scorso anno. Le quattro schede che saranno consegnate agli elettori sono di colore diverso: celeste per il primo dei quesiti referendari (limiti alla ricerca clinica e sperimentale sugli embrioni), arancione per il secondo (norme sui limiti all'accesso), grigio per il terzo (norme sulla finalità, sui diritti dei soggetti coinvolti e sui limiti all'accesso), rosa per il quarto (divieto di fecondazione eterologa). I seggi saranno aperti domenica 12 giugno dalle 8 alle 22 e lunedì 13 giugno dalle 7 alle 15.
Il referendum del 12 e 13 giugno è di tipo abrogativo ed è disciplinato dall'articolo 75 della Costituzione. Si ricorre a questo tipo di referendum per deliberare l'abrogazione parziale o totale di una legge quando lo richiedano 500.000 elettori o cinque Consigli regionali. Per i referendu sulla fecondazione assistita sono state raccolte circa 740 mila firme, quasi 1 milione e 100, secondo i dati forniti dai promotori, quelle per il quesito con cui si chiedeva l'abrogazione totale della legge 40, poi ritenuto non ammissibile dalla Consulta.
Hanno diritto a partecipare al referendum tutti i cittadini chiamati ad eleggere la Camera dei deputati. Possono votare anche i cittadini italiani residenti all'estero, che esprimeranno il proprio voto per corrispondenza a meno che, secondo le norme in vigore, non risiedano «in Stati con i quali non si siano concluse intesein forma semplificata o la cui situazione non garantisca l'esercizio per via postale del diritto di voto», o che abbiano esercitato il diritto di opzione per il voto in Italia «dandone comunicazione alla rappresentanza diplomatica o consolare competente entro il decimo giorno successivo all'indizione del referendum».
I termini per ricevere il plico elettorale con le quattro schede, il certificato elettorale, una busta bianca, una busta preaffrancata con l'indirizzo del Consolato e un libretto contenente il testo della legge sul diritto di voto degli italiani all'estero, era fissato entro la fine di maggio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Strasburgo: gli spari, i morti, i blitz, la gente in fuga

Strasburgo: gli spari, il morto, i blitz, la gente in fuga

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi

Bisceglie, topo in ospedale sulla porta del reparto Infettivi  
Sindaco: «Indagheremo»

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini

 
Rivivi la  "Mangusta" interforze

Rivivi la "Mangusta" interforze

 
Noi siamo la Marina: gli incursori

Noi siamo la Marina: gli incursori

 
Calendario, palombari e incursori

Calendario, palombari e incursori

 
Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, la diretta del prepartita

Bari - Troina: il punto con La Voce Biancorossa, diretta prepartita

 
Corrieri della droga: con i bus di linea da Milano la portavano in Puglia

Sui bus di linea da Milano in Puglia con la droga in valigia: 22 arresti VIDEO

 
Cristina, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la ciabattina

Cristina, 37 anni, da Laterza a La Spezia e ritorno per fare la «ciabattina»

 
Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

Sede Casapound sequestrata, il gip: «Pericolo nuove aggressioni fasciste»

 
Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive