Sabato 15 Dicembre 2018 | 17:19

GDM.TV

Più lavoro, ma troppo precario e al Sud troppo nero

ROMA - Più lavoro, ma meno stabile e con salari inferiori. Non è il sindacalista di turno ad affermarlo, ma il governatore della Banca d'Italia, Antonio Fazio, che - nella sua relazione all'assemblea di Bankitalia - parla di lavoro marginale e irregolare, avvertendo peraltro che l'aumento dell'occupazione «tende ad arrestarsi», mentre resta «ancora elevato», soprattutto nel Mezzogiorno, il peso del lavoro nero.
E' vero, spiega Fazio, tra il 2000 e il 2004, grazie a flessibilità e moderazione salariale, l'occupazione (+5,9%) è cresciuta più del pil (+3,7%). Ma proprio per questo, per l'«assenza di un'espansione vigorosa dell'attività produttiva, si sono sviluppate tipologie di lavoro meno stabili e con livelli retributivi inferiori». Si è inoltre «allargato il divario tra i salari d'ingresso e quelli medi», così che la quota di lavoratori a bassa retribuzione è di circa il 18% (l'11% occupati tempo pieno, e il 7% a tempo parziale).

Fazio cita poi i «nuovi lavoratori in attività marginali» che peraltro - afferma - hanno inciso sulla crescita della produttività, e ricorda la ripresa dell'emigrazione dal Sud al Centro-Nord, non più contadina e poco scolarizzata, ma proprio tra le persone con più alto grado di istruzione. Una «fuga di cervelli comprensibile, dato che - spiega - l'aumento dell'occupazione si è concentrato nel Centro-Nord». Infatti il calo del tasso dei senza lavoro nel Mezzogiorno, osservato nell' ultimo biennio, «deriva da una riduzione delle forze lavoro»: in pratica, «le difficili condizioni hanno scoraggiato l'ingresso dei giovani e delle donne nel mercato del lavoro». Donne che invece, a livello nazionale, con la loro maggior partecipazione alle attività lavorative hanno fatto salire al 57,5% il rapporto occupazione-popolazione in età da lavoro (ancora distante, comunque, dal 62,8% francese, 64,3% tedesco e 71,2% degli Usa).

Altro problema: in Italia, dove l'occupazione nell'industria negli ultimi 10 anni è rimasta sostanzialmente stabile, il numero degli occupati - ricorda ancora Fazio - è massimo nei settori a basso contenuto tecnologico: solo il 7% degli occupati lavora nei settori ad alta tecnologia, dove si forma il 10% del valore aggiunto dell'industria, contro il 9% tedesco, l'11% francese e il 15% di Usa e Giappone. Mentre sono aumentati (+17,8% dal 1995 al 2004) i lavoratori del terziario, settore che cresce allo stesso ritmo di altre economie avanzate.
Per industria e terziario, conclude quindi Fazio, «è necessario un aumento della concorrenza»; per il rilancio dello sviluppo, «è indispensabile una partecipazione delle forze sociali».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

Nuovo video per BandAdriatica, Elisa canta con Calcutta, il progetto Party Hard racconta Taranto

 
Rotonda - Bari:  il punto con La Voce Biancorossa, segui la diretta

Rotonda - Bari: il punto con La Voce Biancorossa Rivedi la diretta

 
Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

Torre Guaceto: masseria rurale trasformata in resort, sequestri

 
Decennale della Regia Aeronauticail Re passa in rassegna 4mila piloti

Decennale della Regia Aeronautica
il Re passa in rassegna 4mila piloti

 
Il bimotore Savoia Marchetti S 55uno dei simboli del progresso italiano

Il bimotore Savoia Marchetti S 55
uno dei simboli del progresso italiano

 
Inaugurazione aeroporto di Bariintitolato a Umberto di Savoia

Inaugurazione aeroporto di Bari
intitolato a Umberto di Savoia

 
Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

Kosovo, l'attività del 5° Reggimento alpini

 
Calendario, l'uomo e la tecnologia

Calendario, l'uomo e la tecnologia

 
Calendario, storie e immagini

Calendario, storie e immagini