Lunedì 10 Dicembre 2018 | 03:42

GDM.TV

i più visti della sezione

Mons. Cacucci: «Oggi Bari è una città felice»

Bari - L BARI - «Felice Bari oggi perchè il successore di Pietro è venuto per confermare i fratelli». Lo ha detto l'arcivescovo di Bari-Bitonto, mons.Francesco Cacucci nel saluto di benvenuto al Papa in apertura della messa celebrata all'aperto sull'ansa di Marisabella. «Beatissimo padre - ha detto Cacucci - oggi è festa per la città di Bari, per la chiesa locale, delle chiese che sono in Italia. E' domenica! e come un tempo gli abitanti di Gerusalemme, anche noi oggi acclamiamo: Benedetto colui che viene nel nome del Signore». «La gioia che splende sul volto di tutti i presenti - ha detto ancora - esprime più e meglio di ogni parola i sentimenti di filiale affetto, di intima comunione e di commossa gratitudine per il dono della sua presenza. ognuno vorrebbe dirle personalmente: grazie Padre Santo!».
Per Cacucci «La Chiesa è viva! noi tutti l'abbiamo potuto sperimentare questa settimana, durante la quale la chiesa italiana si è ritrovata in questa città per il 24mo congresso eucaristico nazionale». Citando le parole dello stesso papa Benedetto XVI, mons.Cacucci ha ripetuto «la chiesa è viva perchè Cristo è vivo, perchè egli è veramente risorto». «In questi giorni - ha detto ancora - la luce della resurrezione e ancora più la presenza del risorto hanno illuminato e arricchito di grazia l'approfondimento dei temi, le celebrazioni liturgiche e lo toccanti testimonianze». «La chiesa è giovane! - ha detto ancora - Padre Santo, quello che oggi si conclude, è stato un congresso eucaristico di tutto il popolo di Dio, nella molteplicità di tutte le sue componenti». «Ma nel cammino verso la giornata mondiale della gioventù di Colonia - ha detto ancora - soprattutto moltissimi giovani presenti al congresso sono venuti per adorare il Signore, il suo corpo e il suo sangue».
Mons.Cacucci ha infine citato un sermone di un anonimo russo dell'11/o secolo per descrivere la gioia della città di Bari quando giunsero le ossa di San Nicola nel 1087. «Queste reliquie - ha detto - hanno innalzato un ponte fra l' oriente e l' occidente che nè il tempo nè le divisioni hanno mai demolito. Anche in questi giorni molti fratelli delle chiese d'oriente si sono uniti a noi incoraggiandoci a proseguire con rinnovato impegno ed entusiasmo sulla via della preghiera e del dialogo ecumenico».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca

 
F-104, la  storia di un mitoper tre generazioni di piloti

F-104, la storia di un mito
per tre generazioni di piloti

 
Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: segui la diretta

Portici - Bari, il punto con La Voce Biancorossa: rivedi la diretta

 
Porto di Taranto, ecco l' ingresso spettacolare della portaerei Cavour

Porto di Taranto, ecco l'ingresso spettacolare della portaerei Cavour