Giovedì 21 Gennaio 2021 | 03:22

Il Biancorosso

Serie C
Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

Bari, nella rincorsa alla Ternana c'è il San Nicola da riconquistare

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIndagini lampo della Ps
Taranto, ruba  creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

Taranto, ruba creme in una farmacia e tenta la fuga: ladro seriale arrestato

 
Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in cento anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

Bitonto, focolaio Covid in centro anziani: positivi 3 educatori e una decina di ospiti

 
FoggiaControlli dei CC
Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

Foggia, a spasso con la cocaina nell'auto: arrestato 34enne incensurato

 
LecceL'ente fallito
Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

Novoli, la Focara affossata dai debiti: i creditori avanzano oltre un milione

 
Batsanità
Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

Trani, muore d’infarto a 200 metri dall’ospedale: «Soccorsi in ritardo»

 
Potenzala richiesta
Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

Fca fa spazio a Stellantis, Confindustria Basilicata: «Stabilimento Melfi sia centrale»

 
Covid news h 24L'annuncio
Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hib vaccinale

Fasano, emergenza Covid: padiglione centro commerciale diventerà hub vaccinale

 
MateraIl caso
Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

Matera, minaccia convivente disabile con una katana, arrestato 70enne

 

i più letti

Condannato Don Cesare Lodeserto - Il giornalista Stefano Mencherini: ora mons.Cosmo Francesco Ruppi chieda scusa ai salentini

BARI - «Anche se ormai sarebbe un po' tardi, si chieda a mons.Cosmo Francesco Ruppi (che non dimentichiamo è anche presidente della Conferenza episcopale di Puglia) di chiedere scusa ai salentini prima e poi a tutti gli italiani per l'errore di valutazione fatto nel sostenere da sempre oltre ogni lecito interrogativo e nonostante le inchieste giudiziarie e le inchieste giornalistiche uscite l'operato del suo segretario particolare, al quale certo non potrà mancare la sua solidarietà e la sua assistenza religiosa». Lo afferma il giornalista Stefano Mencherini, a proposito della condanna inflitta oggi a don Cesare Lodeserto: Mencherini è autore di un film-documentario "Mare nostrum" che si occupa criticamente dei Centri di permanenza temporanea, in particolare di quello gestito nel Salento da don Lodeserto.
«8 mesi - sottolinea Mencherini - per essersi inviato sms con minacce di morte: si ricorda ai più che anche in seguito a quella vicenda al presidente della Fondazione Regina Pacis fu riassegnata la scorta. Aspettiamo ovviamente le motivazioni della sentenza, ma soprattutto il responso degli altri gradi di giudizio. Fino ad allora, per Lodeserto come per chiunque altro, vale la presunzione di innocenza. Certo è che a ciò che appare, questo potrebbe essere soltanto l'inizio di una lunga serie di condanne che potrebbero arrivare dagli altri processi in corso, compreso quello che lo vede alla sbarra per presunte violenze ai danni di 17 magrebini di cui è in corso in queste ore una nuova udienza».
«Ricordo infine - conclude Mencherini - che in queste ore è in corso una campagna nazionale lanciata da tre grandi siti italiani: Peacelink, Articolo21 e Melting Pot. Con questa iniziativa, che ovviamente non posso non segnalare, si chiede 'alla Rai di sdoganare dalle censure Mare Nostrum', il mio film-inchiesta che denuncia la realtà dei Cpt, le nostre Guantanamo, e della legge cosiddetta Bossi-Fini-Mantovano. Aspettando nel frattempo chi vorrà nei prossimi giorni a Bari per una pubblica proiezione del mio film-inchiesta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400