Martedì 11 Dicembre 2018 | 08:10

GDM.TV

i più visti della sezione

Gli 007 da giorni avevano allertato su rischio sequestri a Kabul

ROMA - «Nè ottimismo, nè pessimismo», la questione è delicata e richiede «tutto il tempo necessario», ma i contatti sono «già avviati», Clementina Cantoni «sta bene» e gli uomini del Sismi stanno lavorando alacremente per arrivare una soluzione positiva del caso della cooperante di «Care» rapita ieri sera a Kabul.
I rappresentanti dell'intelligence militare già da alcuni giorni avevano allertato gli italiani presenti in Afghanistan contro possibili azioni ostili nei confronti di cittadini occidentali. Analogo avviso era arrivato anche dalla Nato. Si era dunque sul chi vive, l'aria nella capitale afghana si era fatta poco respirabile, come ha confermato Marco Garatti, medico di Emergency impegnato nell' ospedale di Kabul. Ma - si fa presente - non era possibile scortare individualmente tutti gli italiani presenti, cui erano stati comunque rivolti inviti alla massima prudenza.

Da ieri sera, il Sismi, che si avvale di un' ampia rete di contatti nella Capitale, sviluppati nel corso dei tre anni di presenza del contingente nazionale, è al lavoro. Stamattina, il direttore del servizio, Nicolò Pollari, è stato chiaro: «non sono nè ottimista nè pessimista - ha detto ai giornalisti a margine di un convegno - perchè quando c'è in gioco la vita di una persona bisogna lavorare e basta».
E si lavora, come ha confermato lo stesso Pollari, sulla pista che fin dall'inizio era apparsa come la più plausibile, quella della criminalità comune. Il direttore del Sismi, impegnato in mattinata in un convegno all'Accademia della Guardia di finanza, mentre era al tavolo dei relatori, è stato contattato più volte dai suoi uomini che gli hanno consegnato messaggi e passato telefonate.
«C'è un rapimento in corso», si è quasi giustificato Pollari con l'uditorio. Segno che la situazione è in continua evoluzione e le notizie dal teatro sono continue e numerose e vanno valutate con la massima attenzione.
Se da un lato la matrice non riconducibile ai talebani del sequestro fa tirare un sospiro di sollievo, dall' altro si evita di trarre conclusioni affrettate. Dalla polizia di Kabul è filtrata la voce - poi smentita - della rivendicazione di un gruppo criminale che ha proposto lo scambio tra Clementina Cantoni e due capi della fazione, Tela Mohammed e Omara Khan. Un'ipotesi che viene valutata plausibile dall' intelligence, che ricorda come uno dei due sia stato scarcerato una prima volta e poi nuovamente arrestato nelle settimane scorse.

Il canale con i rapitori è stato comunque stabilito subito: i militari italiani presenti a Kabul nell'ambito della missione Isaf, che agiscono in stretta connessione con la polizia locale, hanno immediatamente battuto tutte le piste, ci sono stati contatti con i capitribù che dettano legge del Paese e la trattativa sta andando avanti. Ovviamente, come sempre in questi casi, alla richiesta di scarcerazioni si aggiungono quelle di contropartite economiche. E a chi ipotizza una «soluzione veloce», gli uomini dell'intelligence replicano invitando alla calma: l'Afghanistan non è l'Iraq, ma è ugualmente uno Stato che attraversa uno dei suoi periodi più difficili. La prudenza è dunque d'obbligo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

MULTIMEDIA

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolita le darsene abusive

Parco del Gargano, 6 anni dopo la sentenza, demolite le darsene abusive

 
Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

Il Natale di Giovinazzo si accende con Christmas Lights

 
Il post partita di Cornacchini e Neglia

Il post partita di Cornacchini e Neglia

 
Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

Bari, caso commissioni al Comune: il consigliere «muto» davanti alla telecamera

 
Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

Bari, si schianta contro un albero: muore 79enne, ferita la moglie

 
Lorem video dolor sit amet, consectetur

Lorem video dolor sit amet, consectetur

 
Treni, la partenza del primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

Treni, parte il primo Frecciarossa per Torino: ma in Puglia andrà «lento»

 
Portici-Bari, i tre gol biancorossi

Portici-Bari, i tre gol biancorossi

 
Corinaldo, la fuga e il crollo della balaustra che ha schiacciato i ragazzi in discoteca

La fuga e il crollo della balaustra che schiaccia i ragazzi in discoteca