Sabato 16 Gennaio 2021 | 00:04

Il Biancorosso

l'evento
Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno a tutti i nostri tifosi

Bari calcio, 113 anni del club. Il presidente: «Dedico il compleanno ai nostri tifosi»

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl processo
Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

Taranto, bimbo morto di tumore: indagati 9 dirigenti ex Ilva

 
Potenzala «trovata»
Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

Potenza, protesta ristoratori tra bicchieri di prosecco, musica e ironia

 
Barila scorsa notte
Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

Valenzano, ignoti rubano olio prodotto da terre confiscate alla mafia

 
Batemergenza Covid
Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

Barletta, attivati 23 posti di terapia intensiva. Lopalco: «Pronti a possibile terza ondata»

 
Bari
Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

Tra Bari e Matera accordo di collaborazione su cultura, turismo e ambiente

 
LecceNel Leccese
Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

Otranto, scatola con 20kg di petardi trovata in bidone immondizia

 
BrindisiIl caso
Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

Brindisi, muore a 19 anni al Perrino: 2 medici indagati

 

i più letti

Made in Italy al palo

ROMA - Il made in Italy «non va benissimo», affermano i tecnici dell'Istat. I dati di marzo sull'andamento della produzione industriale corretta per giorni lavorativi mettono chiaramente in evidenza le difficoltà dei settori di punta dell'industria italiana: la produzione industriale di abbigliamento è scesa in marzo dell'11% su base annuale, quella di scarpe ha registrato una flessione del 16,6%, quella dei mobili dell'8,1% e quella dei mezzi di trasporto del 4,2%. Complessivamente il mese di febbraio si è chiuso con un calo della produzione industriale del 5,2% (-2,9% il dato corretto per giorni lavorativi, in parte a causa del fatto che marzo 2005 conta un giorno lavorativo in meno rispetto al 2004.
Si tratta della sesta flessione tendenziale consecutiva.

Le flessioni registrate nel made in Italy contribuiscono in modo evidente al calo dell'indice generale sia nel solo mese di marzo sia nel trimestre (-3,7% dato grezzo e -2,5% quello corretto per giorni lavorativi). L'industria del tessile e dell'abbigliamento ha infatti archiviato il primo trimestre 2005 con una flessione del 7% rispetto allo stesso periodo del 2004 (-3,6% dato congiunturale). Per l'industria delle pelli e delle calzature è andata ancora peggio: la produzione industriale nel primo trimestre dell'anno è scesa dell'11,3%, mentre in marzo il calo congiunturale è stato addirittura del 7,1%. La produzione di mobili, invece, ha registrato nel trimestre un calo della produzione del 19,8%, pur subendo un rimbalzo congiunturale (+0,1%). Per gli apparecchi elettrici e di precisione la flessione nei primi tre mesi dell'anno è dell'8,3% (-2,5% in marzo su febbraio), mentre per i mezzi di trasporto il calo trimestrale è del 7,1% (+1,5% in marzo su febbraio). In particolare nella voce mezzi di trasporto a soffrire sono le autovetture, che evidenziano un calo della produzione grezza del 9,8% in marzo sullo stesso mese del 2004, chiudendo il trimestre con una -17,7%.

Nel rendere noti i dati di marzo 2005 e del primo trimestre dell'anno, l'Istat ha comunicato di aver rivisto al ribasso i dati di febbraio, che sono stati abbassati di circa 0,2 punti percentuali: l'indice grezzo subisce una flessione tendenziale del 3,4% (-3,2% la precedente stima).

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400