Venerdì 22 Gennaio 2021 | 04:54

Il Biancorosso

Serie C
Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

Bari, ufficializzati due nuovi ingaggi: Rolando e Sarzi Puttini

 

i più visti della sezione

NEWS DALLE PROVINCE

Brindisimaltrattamenti in famiglia
Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

Ostuni, distrugge i mobili di casa e minaccia di morte madre e moglie: arrestato 45enne violento

 
Bariemergenza coronavirus
Bitonto, focolaio Covid in centro per anziani: 19 i casi positivi

Bitonto, focolaio Covid in centro per anziani: 19 i casi positivi

 
Potenzaeconomia
Tavares in Basilicata, riconosciuta centralità dello stabilimenti di Melfi nel nuovo gruppo Stellantis

Tavares (Stellantis) in Basilicata: confermati investimenti e posti di lavoro. Riconosciuta centralità stabilimento Melfi

 
Tarantoil progetto
Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

Taranto, piantine antinquinanti nelle scuole: al via «La Natura entra in classe»

 
FoggiaL'accaduto
Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

Foggia, fuggono con macchina rubata, ma fanno incidente e scappano sfondando il parabrezza

 
BatNella Bat
Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

Droga, condanne definitive per sette trafficanti di Andria

 
MateraIl caso
Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

Incendia auto per dissidi lavorativi con la proprietaria: denunciata 41enne a Matera

 
LecceLe dichiarazioni
Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

Fidanzati uccisi a Lecce, il killer: «Se fossi libero avrei di nuovo l'impulso di uccidere»

 

i più letti

Ambiente - Le 38 nuove professioni verdi

ROMA - Progettista di manufatti edilizi a basso impatto ambientale, manager di impianti di acquacoltura ecompatibili, tecnico della qualità nella filiera dei prodotti biologici, esperto di biotecnologie sostenibili. Sono queste alcune delle professioni che, in un futuro non troppo lontano, saranno tra le più richieste e necessarie in un'economia basata sullo sviluppo sostenibile. In tutto 38 nuove figure professionali, identificate dall'Isfol in uno studio coordinato da Maria Teresa Palleschi e Rita Ammassari. La ricerca è stata presentata oggi, a Roma, nel corso del convegno 'Formare per la sostenibilita».

Dopo l'apertura dei lavori, affidata a Sergio Trevisanato, presidente dell'Isfol, si è svolta una tavola rotonda fra esperti e studiosi di sviluppo sostenibile, fra cui Cesare Donnhauser, del ministero dell'Ambiente, Maria Chiara Alati, dell'università di Roma, e Donatella Crosetti, dell'Icram. Lo scopo della ricerca è quello di individuare le figure professionali innovative che ambiente e mercato richiedono per la costruzione di una società attenta, al tempo stesso, alle esigenze occupazionali e alla salute e al benessere di tutti, nonchè alla tutela ambientale. Uno sviluppo che soddisfi «i bisogni delle persone esistenti, senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare i loro bisogni», come si legge nel testo dell'indagine, si basa sostanzialmente su otto aree di intervento: architettura a basso impatto ambientale, acquacoltura ecocompatibile di qualità, agricoltura biologica, biotecnologie sostenibili, difesa del suolo e utilizzazione delle acque, aree protette e turismo sostenibile, energie rinnovabili e gestione integrata dei rifiuti urbani.
Per ognuno di questi ambiti strategici, c'è bisogno di professionalità specifiche e innovative, 38 delle quali sono proprio quelle censite dall'Isfol.

Così, per quanto riguarda l'architettura a basso impatto ambientale (Bia), la specializzazione più gettonata sarà quella del progettista di manufatti edilizi Bia. A questa figura sarà affidato, tra gli altri, il compito di analizzare i contesti ambientali delle costruzioni, di valutarne la salubrità e l'efficienza energetica e di individuare i vincoli progettuali.
Nell'acquacoltura, settore in grande espansione sotto la spinta di una crescente domanda di prodotti ittici, serviranno invece veri e propri manager di impianti di qualità, che non solo dovranno conoscere i fondamenti di biologia e zootecnia, ma anche sapere individuare le strategie produttive più idonee alle condizioni di mercato.
La terza area analizzata dall'Isfol è quella dell'agricoltura biologica. Qui occorrerà soprattutto il «tecnico della qualita», con funzioni di controllo della documentazione, di verifica dell'applicazione delle norme sulle colture e di coordinamento fra i vari soggetti della filiera. Un altro settore in forte crescita è quello delle biotecnologie sostenibili, ossia finalizzate alla produzione di prodotti transgenici ecocompatibili. La figura di un esperto sarà fondamentale per guidare i progetti che prevedono l'adozione di tecniche genetiche. In materia di difesa del suolo e di utilizzazione delle acque, invece, arriverà il manager del governo del territorio, che opererà in connessione con la pianificazione del territorio e delle infrastrutture e con quella urbanistica.

Aree protette e turismo sostenibile si avvarranno, poi, del promotore di sviluppo turistico, che promuoverà le capacita imprenditoriali esistenti e studierà la sostenibilità dei flussi turistici, valorizzando le biodiversità e i prodotti tipici. Un esperto di progettazione di sistemi di energie rinnovabili avrà il compito, in campo energetico, di stimolare un consumo razionale e appropriato, attraverso al gestione di diversi metodi (eolico, solare, di biomasse). Per la gestione integrata dei rifiuti solidi, invece, sarà fondamentale poter disporre di un esperto di commercializzazione dei materiali derivanti dal recupero.

Nel corso del convegno, è stato anche presentato il sistema informativo 'Ifolamb' (Informazione orientamento lavoro ambientale). Una banca dati, consultabile via Internet (www.ifolamb.isti.cnr.it), in grado di orientare le scelte formative e occupazionali in campo ambientale. L'obiettivo è quello di poter soddisfare sia l'esigenza di chi ha bisogno di informazioni dettagliate per la scelta di un corso formativo ambientale, sia di chi vuole conoscere il trend di sviluppo dell'occupazione ambientale.

l sistema informativo Ifolamb è alimentato dai risultati di varie aree di ricerca. Tra queste, quella dell'offerta formativa ambientale, che censisce tutte le attività formative (università, formazione professionale, master) svolte in Italia da soggetti pubblici e privati e quella delle tendenze del mercato del lavoro ambientale, che analizza il settore monitorando le fonti statistiche ufficiali.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400